Pagine

mercoledì 5 marzo 2014

Tutti i giorni (il genio del male)



Li aspettiamo, con la cena pronta e i piatti già in tavola.
Un attimo di perfetto silenzio, rotto dalle due voci maschili della casa, che sopraggiungono dal bagno.
“Dai, veloce, facciamo pipì e laviamo le mani”.
“No, non ne ho voglia”.
Silenzio.
“Non le lavo mai più”.

Rumore della tavoletta del water che batte sul muro.
“No pipì, non scappa”
Rumore di figlio appoggiato di peso sul water.
“No, non scappa, capisci?”
Rumore di pipì che scorre nella tazza, carta che si strappa.
“No, faccio io. Carta.”
Rumore di sgabellino che si sposta, scroscio dello sciacquone.
“Dai, dai, laviamo le mani che ci aspettano”
“No, no, non mi piace. Guardiamo film?”
Rumore dell’acqua che scorre, poi del flusso ridotto, poi del rubinetto chiuso.
“Shrek?”
“Prima mangiamo, poi parliamo del film”
“Alex? Madagascar 3?”
“Senti, vecchio, stai calmo e lavati ’ste mani”
Silenzio.
La Bionda ed io ci scambiamo uno sguardo complice. Allarme, allarme! Non è il linguaggio tipico del papà, solitamente forbito e formale; vuol dire che è esasperato. Vuol dire che Killó fra un secondo si prende l’ennesima sgridata.
Ancora silenzio.
Probabilmente scambio di sguardi intensi fra i due cowboy, davanti al bidet.
Prende la parola il giovane.
“No vecchio. Piccolo”
A noi scappa una risatina, ma stiamo attente che non si senta troppo.
Giunge quindi la voce del papà, ora più morbida. Sta sorridendo anche lui. (L’astuto piccolo sta riuscendo ad uscire dai guai in cui si stava cacciando ndB)
“Sì, sei piccolo, vecchio è un modo di dire”
Risciacquo, asciugamano al suo posto, con fruscio. Passi.
“Papà?””
“Sì?”
“Stai calmo tu”
Mentre noi cerchiamo di soffocare le risate, loro appaiono dal corridoio.

Killó è tutto sorridente e parecchio orgoglioso di aver avuto l’ultima parola e sfoggia l’espressione angelica del vero genio del male. Sulla fronte gli passa una scritta luminosa: “Ce li ho tutti in pugno, non mi batte nessuno”.
Matteo ha lo sguardo divertito ma l’espressione rassegnata di chi sente che sta combattendo con i mulini a vento.
Ci ha tutti in pugno, per ora. Di sicuro la squadra genitoriale deve migliorare la comunicazione. Ci serve un segno segreto e condiviso che permetta di esprimerci solidarietà senza che il giovane lo sappia.
Perché se lo guardo e basta, il papà provato non capirebbe l’intenzione. Se gli faccio l’occhiolino, capirebbe altro.
Invece vorrei dirgli: “grande, sei andato bene! Lo so che il piccoletto è esasperante, ma ora riposati, faccio io” .
Faccio prima a mandargli un sms, quelli li legge.


Questo post partecipa al blogstorming di Genitoricrescono!! Il tema del mese di marzo 2014 è "Opposizione e conflitti". Ne so qualcosa, fatemi sfogare ;)


23 commenti:

  1. :-D non sai quante volte mi trovo a fare OMMMMMM per calmarmi invece di morderlo dal nervoso!!! A volte sono esasperantissimi!!! :-O

    RispondiElimina
  2. noi ci si manda gli sms per concordare l'orario di messa a nanna. O anche i chattini si whatsapp!!!
    E-HA-GIA'-SETTE-ANNI!!!!

    RispondiElimina
  3. Ohmamma...mi ritrovo in tutto!!! Dottore...è grave?
    Da noi di solito succede che mi arrabbio e lo lascio con un bel "E allora arrangiati!"...e mentre esco dal bagno sento "Arrangiati tu"....allora torno indietro e dico "Papà ti ha appena sgridato...stai zitto"...esco e una vocina dal bagno dice "zitto tu"....e io "sei proprio un monello"....e dopo qualche secondo "monello tu".
    Potrei andare avanti all'infinito.....
    .......
    ........
    "infinito tu"

    RispondiElimina
  4. Ahahah, questi piccoletti ci mettono a dura prova tutti i giorni. L'unica possibilità di salvezza è la solidarietà tra genitori!!

    RispondiElimina
  5. killo è veramente forte!!!

    RispondiElimina
  6. ahahahha mandarsi gli sms pur essendo a 2 m....forte

    RispondiElimina
  7. Ne sappiamo tante qualcose, in effetti. Oooohm anche qui.

    RispondiElimina
  8. Grande barbara con l'sms :-) e bravo il tuo Matteo che non è sbroccato del tutto davanti all'esasperante (ma tenerissimo e furbissimo) frugoletto!
    Un bacio a tutti!!

    RispondiElimina
  9. Ho letto questo ed altri post a mia madre. Commossa, ha detto "questa donna dovrebbe scrivere un libro, è troppo brava". Il primo complimento che fa a qualcuno a memoria d'uomo. Prendi in considerazione l'idea! :)))

    RispondiElimina
  10. Ma i sorrisi che c'ha tirato fuori a Silver e me questo post, tu non hai idea. Bellissimo. E strizzagli pure l'occhio al Matte che se lo merita :P

    RispondiElimina
  11. Mi avete fatto sbellicare.....certo che ci hanno in pugno e a me piace pure starci a volte!

    RispondiElimina
  12. Stesse scene di ordinario delirio a casa mia. Lavare le mani e fare pipì sembrano essere tra le punizioni più terribili, evidentemente!!!

    RispondiElimina
  13. Dio sta volta mi hai fatto morire!!! I tuoi uomini sono fantastici!!! un bacione a Killò :***********

    RispondiElimina
  14. Sono svenuta dalle risate, ma quanto scrivi? Quante cose belle da leggere, non ce la faccio a starvi dietro!

    RispondiElimina
  15. Ciao, ti leggo per la prima volta, ti ho scoperta tramite un'altra blogger, il mondo di cì, e ceh bello leggere le tue avventure, il vostro mondo. Sprigioni felicità da tutti i pori.

    RispondiElimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)