lunedì 5 dicembre 2011

La mia piscina

Posted by Picasa

È da quasi tre mesi che nel nostro piccolo giardino vedo una cosa che mi dà fastidio.
La vedo più volte al giorno, ogni volta che esco sul terrazzino per deporre l'immondizia nei bidoni, bidoncini, sacchi e sacchetti della nostra raccolta differenziata.
Sul terrazzino, che si trova appena fuori dalla cucina, non posso non vederla. Gli spazi non sono ampi, non posso girare lo sguardo.
Io so che, nel rialzare la testa, la vedrò, ma me ne ricordo nel momento stesso in cui sto per rialzarla questa testa: non ci penso prima, ma continuo a pensarci dopo.
Lei è lì e pare che mi guardi.

È la piscinetta gonfiabile, rovesciata sul prato, abbandonata lì da metà settembre.
Un tempo era gialla, ora si è sporcata, si è anche un po' sgonfiata, è piena di acqua piovana, e immagino che l'erba che c'è sotto non stia tanto bene.
La vedo e mi si stringe lo stomaco.
I pensieri sono ogni volta gli stessi e ogni volta nello stesso ordine.
“Urca, la piscina. Devo trovare il tempo di pulirla e metterla via”.
“Son passati già tre mesi e non l'ho fatto”.
“Sono un'incapace allora perché in tre mesi una deve riuscire a trovare il tempo per farlo”.
L'immancabile colpo di grazia è: “QUELLE BRAVE lo fanno”.

Quando sto bene, la litania può finire qui, non appena distolgo lo sguardo e rientro.
Non sono pensieri che mi uccidono, stanno lì a mormorare in sottofondo e semplicemente mi tocca riascoltarli ogni volta che esco sul terrazzino.

Se però sono stanca o solo un po' triste, allora questi pensieri mi si appiccicano addosso come resina e ne attirano altri e si appiccicano pure loro.
Si va dal: “Sono un disastro come casalinga” al: “Faccio solo la casalinga e sono un disastro” fino al trionfo di: “QUELLE BRAVE hanno anche un lavoro, io faccio solo la casalinga e sono un disastro”.
E, alla fine, sono stanca, un po' triste e pure schiacciata dal peso di QUELLE BRAVE.
Da tre mesi, nonostante tutto, la piscina è lì, mentre altre questioni più urgenti e necessarie alla sopravvivenza della famiglia Fattacosì prendono il suo posto nella lista delle cose da fare.

Stamattina, dopo colazione, quando sono andata a buttare la bottiglia del latte, l'ho vista.
I pensieri vischiosi han subito cominciato a mormorare piano ma.......sono scivolati via senza trovare un appiglio.
Così, alleggerita dal peso ammorbante di QUELLE BRAVE, lì sul mio terrazzino uguale, sono riuscita ad ascoltare un pensiero diverso.

Cosa ha reso possibile questa inaspettata e piacevole svolta nel triste copione?
Ci ho riflettuto tutto il giorno, alla ricerca di una spiegazione.
La risposta che mi sono data è che sia stata la congiuntura di due fatti.
Il primo fatto è che io, per la prima volta, non guardavo la piscina abbandonata, ma i tre passerotti che giocavano e facevano il bagnetto nell'acqua che ci si è raccolta dentro. Sicuramente però non era la prima volta che questo capitava, quindi questo fatto è una condizione necessaria, ma non sufficiente a fornire una spiegazione.
Il secondo fatto è che, mentre già rassegnata volgevo lo sguardo verso la prova della mia incapacità, sulle labbra non si era ancora spento il sorriso di una recente risata. Quando già avevo un piede sul terrazzino, la voce felice di Biondazzurra ha trillato: “Sei il mio fratellino paperino”, rivolta a un Killò, nel suo pigiamino troppo lungo, che girava tutto intorno al tavolo, facendo “qua qua qua”.
Io credo che questo sia il particolare determinante, e che senza questo sorriso non avrei notato gli uccellini, né ascoltato un bel pensiero.

Per amor di cronaca, il pensiero diverso di questa mattina è stato: 
“QUELLE BRAVE a dicembre la piscina ce l'hanno pulita, disinfettata e perfettamente ripiegata, riposta nella confezione originale che hanno appositamente conservato.
Io no. 
Io ho un laghetto per uccellini”. 

27 commenti:

  1. ma sì! e che èèè...non ci facciamo mica buttare giù ..... è come un'opera d'arte: chi ha il potere di decidere che cosa è artistico e che cosa non lo è.....io concordo con te sul laghetto e sappi che nel mio giardino c'è un triciclo abbandonato che ha il sedile pieno d'acqua e foglie.....un altro laghetto!!!!! (o esperimento scientifico) un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Io concordo con Dani, anche nel mio pseudo giardino c'è ancora lo scivolo, l'ombrellone, i camioncini,una bici, un triciclo,un pallone sgonfio...... devo continuare??? anch'io non sono una di quelle brave!!! ma chi se ne fregaaa!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Oh! Uno in giardino può tenerci quello che vuole! :-)))

    RispondiElimina
  4. io dico che ci vuole anche chi da da mangiare agli uccellini!

    RispondiElimina
  5. ti dirò che visto così, con le foglie secche... e pure gli uccellini mica è male il laghetto!
    se vieni sul mio balconcino puoi ammirare vecchie mattonelle risalenti a tre anni e mezzo fa... riposte in un angolo, che dopo le butto...

    l'unica cosa, quando arriva la primavera, quel laghetto ti consiglio di vuotarlo o di metterci dei pesci rossi... per le larve di zanzara... sai com'è ;-)

    RispondiElimina
  6. Tu sei più brava, perchè sei più avanti: la tieni già pronta per l'estate prossima!
    ;)

    RispondiElimina
  7. che bello...saper cogliere l'essenziale...qua qua!

    RispondiElimina
  8. @dani e augusta, mie AP e sempre prime a commentare! i vostri giardini so dove sono e verrò a controllare
    @eu, giorgia (benvenuta) mammapappa e the pellons: sono d'accordo con tutte voi, ma il punto è: ma voi non ce le avete QUELLE BRAVE nella testa?
    @loriva, ciao. saper cogliere l'essenziale è una virtù. killò sembra averla (per ora) ;)

    RispondiElimina
  9. ma tu così l'hai già riciclata, bellissimo questo post!

    RispondiElimina
  10. Laghetti, uccellini, acqua sono di buon auspicio secondo il feng shui!
    Mia cara sei una di QUELLE BRAVE anche tu ;DDD!

    RispondiElimina
  11. @elisabetta. piscina riciclata! ehhehe
    @la solita mamma: benvenuta! mi spiace però deluderti, non sono una di quelle brave, son fatta così ;)

    RispondiElimina
  12. ciao sono bietolina, è dicembre è ho ancora paletta e secchiello abbandonati in giardino...e sono una casalinga circa

    RispondiElimina
  13. @bietolina :) guarda se per caso in giardino c'è anche la tua Simonetta.... eheheh

    RispondiElimina
  14. cara barbara quelle brave... ecchisenefrega!!! io penso sempre che chi ha la casa linda e pinta dove non si vede neanche la presenza dei bambini... da qualche parte deve per forza essere carente. e se scavi bene è proprio nel rapporto coi propri figli.

    RispondiElimina
  15. @mammapappa, già, ma di quelle che la casa non ce l'hanno linda e pinta e a volte sono anche carenti nel rapporto coi figli cosa ne pensi? ma che sonfattecosì ;)

    RispondiElimina
  16. me l'ero perso questo post -.-
    Cambio di pensiero e prospettiva ge-nia-le, in qualche maniera bisogna raccontarsela per sopravvivere no??
    io penso a giorni alterni che la pila della roba da stirare, sia parte integrante dell'arredamento e quando sto bene, ritengo pure che ci stia benissimo!!!!
    dunque il Signor Cuore ci azzecca....

    RispondiElimina
  17. @Francesca, il signor cuore racconta cose in cui credo anche io. Tutti i miei post sono così, anche se son di cucito, come "all'apparenza un calzino". Vediamo quanto ci metto a stufare tutte eheheh

    RispondiElimina
  18. non sono post.... sono corsi della scuola di sopravvivenza ^_^

    RispondiElimina
  19. cara Francesca, :)))))))))) questo modo di vedere i miei post (e quelli del signor cuore) mi piace assai.

    RispondiElimina
  20. Mi dimentico spesso il sale nelle pietanze, o faccio scuocere la pasta...e spesso non so cosa cucinare ancora alle 7 di sera...e i panni da stirare sono in rivolta nei cestini...e i vetri sono davvero sporchi;eh, no. Anche io non sono tra quelle brave, anzi sono tra le peggiori. La cosa peggiore è che a volte per recuperare non posso giocare con piccolino e lo sgrido perchè non mi fa fare i servizi che avrei dovuto fare mentre dormiva! Vorrei essere un pò più brava, ma non ce la faccio, sono stanca, e un pò demotivata, e vorrei tanto solo sedermi con piccolino nel parco a guardare gli uccellini che fanno cick e ciack nei laghetti...e basta.

    RispondiElimina
  21. @mimma: secondo me devi farlo qualche volta: molla tutto e vai a guardare gli uccellini! e stirare e compagnia bella chissenefrega! :)

    RispondiElimina
  22. "quelle brave" quali sono? tu per quel poco che ho letto, sei ingegnosa, il doppio uso della piscina veramente geniale...soprattutto per gli uccellini...:)
    la mia vicina di casa pulisce per circa nove ore al giorno, lei sa di essere brava, io so che è malata e ha bisogno d'aiuto! :) tutto diventa soggettivo....
    noi siamo brave, belle e uniche anche quando non siamo nei canoni delle "perfette casalinghe"
    Complimenti sempre!
    Mary.dp

    RispondiElimina
  23. evviva il laghetto, lo voglio anch'io :D
    mi sa che mi compro la piscinetta e la metto in veranda ;)
    comunque quelle brave non esistono (come mi ha detto scleros tempo fa) sono FOTOSHOPPATE!!!
    fidati ;)

    RispondiElimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...