martedì 21 febbraio 2012

La rabbia è un mostro cattivo



Ho sperimentato un orribile stato d'animo, nuovo per me, distruttivo per la sua negatività.

Conoscevo già l'indignazione, provata di fronte alle ingiustizie, alle ipocrisie, alle strategie infami, e il suo diventare spinta all'azione, alla protesta.
Ora ho provato la rabbia sterile.
L'ira.
È uno stato d'animo che ti si avvita dentro e ti riempe e ti svuota allo stesso tempo. Ti condiziona, ti mangia l'energia, in un vortice di negatività che si espande dai pensieri fino ad contaminare le tue parole e i tuoi gesti.

Arsa da una rabbia cieca, ho SPRECATO due giorni della MIA vita, due giorni pieni con strascichi nel week end.
Per nulla, se non per confermare la banale scoperta della mia impotenza di fronte ad alcuni fatti.

Io non voglio vivere così, non voglio vivermi così.
Ma non riuscivo a spegnere l'incendio, non bastava razionalizzare, né distrarsi in altre attività. Mentre il fuoco della rabbia mi bruciava il fine settimana, sono stata a guardare.

Lunedì c'è stata la svolta.
Ho accompagnato i bimbi a scuola, tutti e due (!) e sono tornata a casa, nel silenzio irreale che non sentivo da oltre un mese.
Di malumore, innervosita, ho preso l'aspirapolvere, maledicendo il disordine e la disorganizzazione che mi rubano il tempo.
Ma poi....

Illuminata da un pallido raggio di sole, la crepa sul muro che ci è stata regalata dal recente terremoto, mi è parsa ancora più grande e più profonda e mi ha ricordato qual'è la vera impotenza, quella assoluta, quella che poteva non lasciarmi alcuna scelta.
E mi son sentita felicemente stupida e ingrata, ma più leggera. Ho pulito la mia casa, contenta di averne una, di avercela ancora, pregustando il piacere che avrei provato nel rivederla in ordine.

Le braci della rabbia si sono però riaccese nel corso del lungo pomeriggio di nervosismi, esasperazione, sgridate ai due dispettosi nanetti, ed è tornata la negatività.
Ma poi....

Killò ha sbattuto malamente la faccia sul divano, ha pianto poco e il sangue si è subito fermato, ma il taglio che vedevo all'interno del labbro era troppo profondo, troppo grande.
Una crepa su mio figlio e un'impotenza ancora più vera e crudele.

Così, mentre abbracciavo una sorellina preoccupata, mentre attendevo il ritorno dei due uomini di casa partiti alla volta del pronto soccorso, la rabbia si è infine spenta.
Nella notte, dopo un'attesa lunghissima e due punti di sutura, quando i miei uomini sono apparsi sulla porta, stanchi e sorridenti, l'equilibrio si è ristabilito.


Scelgo il sorriso e la consapevole felicità.
In sintesi:


La rabbia è un mostro cattivo.
La battaglia è stata dura e cruenta.
Il mostro è stato sconfitto da due crepe e due punti.



:)

40 commenti:

  1. Scelgo il sorriso e la consapevole felicità.

    devo dirmelo piu' spesso!!
    un abbraccio tesssssor

    RispondiElimina
  2. ammazza come rielabori bene tu. brava!

    RispondiElimina
  3. ottima sintesi!!!
    "Scelgo il sorriso e la consapevole felicità".Questa me la appiccico al frigorifero!!!

    RispondiElimina
  4. Montagne russe ultimamente, eh? Resti la mia poetessa preferita!Un bacio!

    RispondiElimina
  5. Le crepe restano, ma non sempre è un male, hanno l'importante funzione di fare memoria. Un bacio al piccolo ricucito, noi ci siamo passati l'anno scorso (5 punti in fronte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare memoria è molto bello.
      Anche le rughe allora... ;)

      Elimina
    2. a me le rughe non dispiacciono infatti: bisogna solo portarle bene, no?

      Elimina
  6. Bisognerebbe ogni giorno pensare e usare le frasi come questa"scelgo il sorriso ela consapevole felicità",solo che a volte non è possibile perchè siamo circondati con le persone "diverse"che vedono e sentono solo quello che vogliono.Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adele mia, le persone che vedono e sentono solo ciò che vogliono sono quelle che mi hanno fatto conoscere la rabbia (come tu hai avuto modo di vedere).
      Adesso passo alla fase due, in cui quelle persone non le vedo e sento più io, perchè voglio sorridere e stare bene.
      Questione di scelte

      Elimina
  7. Coraggio, i momenti di sconforto non mancano (e lo dico anche io alla luce di un evento che ci sta sconvolgendo), ma il coraggio di affrontare il mostro ci distingue... Un grosso abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che hai passato un week end faticoso, ma mi spiace sapere che c'è un evento sconvolgente.
      A volte i mostri si sconfiggono in poco tempo e con poco sforzo, come è successo a me.
      Aperiamo che anche il tuo sia un pappamolle :)

      Elimina
  8. Come sempre riesci ad insegnarmi qualcosa...spesso non scelgo il sorriso e invece dovrei farlo e dovrei essere io a ricordarlo a te e non il contrario! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Wow, letto tutto d'un fiato...sei meravigliosa!

    RispondiElimina
  10. Io però, non credo che la rabbia sia un sentimento "cattivo" e "sterile".
    Non credo nemmeno che tu abbia perso due giorni.
    Come ogni mostro, va conosciuto.
    Non solo per saperlo combattere.
    Non tutto ciò che ci sembra cattivo è "solo" cattivo. no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo vedi anche dal disegno!!!! non sarà mica un mostro così spaventevole vero??? <3

      Elimina
    2. Vedo che di rabbia ne sai più di me :)
      A parte gli scherzi, io parlo di questa rabbia fine a se stessa, che non ha portato a nessuna azione e che si è mangiata due giorni.
      Non sarà solo cattiva, certo, ma l'unico vantaggio è che ci ho scritto un post :)

      il mostro del disegno è una sorpresa che ti svelerò nei prossimi giorni :)

      Elimina
    3. Non voglio sembrarti "smielosa" nè poco pratica, ma non credi che anche tu Barbara-mamma-fatta-così puoi concederti di essere sterilmente incazzata per due giorni? Delle volte crediamo di essere invincibili, e molte volte lo siamo e lo vogliamo essere. Qualche volta perdiamo, ma è una battaglia con il resto del mondo e con noi stessi. Concediti di essere arrabbiata, anche se non serve che a scrivere questo bellissimo post. Un abbraccio e sentiti libera di mandarmi a quel paese ;D!

      Elimina
  11. Alla fine con la rabbia ho dovuto venire a patti e me la sono immaginata un po' come la tosse, e' tanto fastidiosa ma serve al corpo per liberare il respiro. Io ci ho messo molto a trovare una cura ragionevole quindi complimenti per lo sguardo sorridente sulle crepe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovo che il paragone con la tosse sia davvero azzeccato. :)
      grazie

      Elimina
  12. un abbraccio al piccolo ferito, ed un più grande alla mamma

    RispondiElimina
  13. Che bello sapere che il tuo sguardo va avanti alle bassezze del mondo... Ecco ho capito il perché di 2 punti per una "sciocchezza".... Dovevi riflettere, tutto accade per un perché!!

    RispondiElimina
  14. Quando mi capita di "vivere" quelle emozioni deleterie chiamo a gran voce la parte di me che pensa sempre ad essere positiva, che mi dice di mandar al diavolo chi non merita e di focalizzare su ciò che veramente vale per me. Funziona? solo a volte!

    RispondiElimina
  15. Non sai il senso di invidia che ho provato leggendoti.
    Leggendo la tua consapevolezza, la tua lucidità, mi sono sentita un elemento da protozoico: io la rabbia, pur sentendola arrivare per tempo, non riesco quasi mai ad arginarla, ad elaborarla.
    I miei non sono mai due giorni, a volte sfociano nelle due settimanew, lasciandomi sfiancata.
    Leggerti mi sta aiutando: è da sabato che sono arrabbiata, e non trovo soluzioni per stare meglio: ora provo a usare le tue parole come un mantra...
    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo confessarti però che parto avvantaggiata: per carattere non sono tipa da arrabbiature lunghe.
      Il modo migliore per venire fuori da quasi tutto è farsi una gran risata. Ci hai provato??? :)

      Elimina
  16. che bello risentirti... e poi... il mostro... direi rabbia trasformata... mi piace un sacco questa tua qualità di saperti inc... con forte emozione e poi trasformare sicuramente mandando giù tante amarezze, ma ottenendo un grande risultato !un bacino lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Lu un risultato certo è stato ottenuto e arà nel prossimo post, quando riuscirò a pubblicarlo ;)

      Elimina
  17. coraggio veramente! ho letto anche l'altro post e mi sono sentita indignata, colpita da un pugno in pieno volto. ma adesso devi solo pensare a superare come già stai facendo e a sorridere...un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Leucosia,
      grazie dell'affetto. Sto già sorridendo, perchè non ho tempo da perdere ;)
      un abbraccio a te

      Elimina
  18. Passaci sopra ai mostri, calpestandoli un po'.
    "L'essenziale è invisibile agli occhi".
    Ti abbraccio quasi a stritolo.
    Giuseppina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo tu sia la Giuseppina di Ciacio, vero?
      La frase del piccolo Principe è adattissima e stritolo te e lui che siete una squadra stupenda.

      Se invece non sei quella Giuseppina, grazie e ti abbraccio lo stesso :)

      Elimina
  19. sai che c'è? che non ho parole, se non complimenti!

    RispondiElimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...