venerdì 27 aprile 2012

La bambolina fatta con i papaveri





Dopo aver scoperto un giacimento di papaveri qui vicino a casa ed aver capito quanto dei piccoli fiori assolutamente effimeri possano rallegrare, ho deciso di raccoglierne ancora.

Ci sono momenti in cui avverto un bisogno quasi fisico di leggerezza e sono momenti come questo, in cui la leggerezza non mi viene spontanea, ma devo cercarla e creare le occasioni per goderne.

Mi sono seduta e ho provato a vedere se le mie mani ricordavano cosa fare.

La prima damina dopo anni!

Non c'è stato alcun problema, ricordavano benissimo. 
Gli anni passati a correre e giocare nei campi in montagna non sono stati vani e la bambolina papavero si è manifestata con pochi sapienti gesti.

Alcuni boccioli nascondevano petali rosa, altri bianchi, e sono nate cinque regali damine.

Quanti ricordi....
E sulle dita lo stesso profumo che sentivo allora.

In vacanza andavamo sempre in montagna, nello stesso paese, tutti gli anni.
Al mattino si faceva una passeggiata e poi, io e la mia mamma, ci sedevamo a riposare nel prato, lo stesso prato, tutte le mattine, di tutte le vacanze.
Io correvo a raccogliere mazzi di margherite e papaveri, mentre la mamma si dedicava alla Settimana Enigmistica o all'uncinetto, o a tutti due contemporaneamente.
Quando tornavo, riponeva subito i suoi lavori e mi aiutava: sfornavamo bamboline fatte con i papaveri e ghirlandine di margherite a tutto spiano.

Che dolcezza questo ricordo e che nostalgia...

In questo lungo fine settimana avrei voluto organizzare un pic nic con i bimbi e nutro ancora qualche vaga speranza. 
Se l'antibiotico che ho preso stamattina farà il suo dovere, mandando via questa tosse impressionante, ce la faremo.
Altrimenti ce la faremo lo stesso, ma nel nostro giardino. :)

Lo scopo rimane quello di mangiare sull'erba, tutti insieme, giocando ai campeggiatori, e poi, con la pancia piena e riscaldati da questo bel sole, avviare una produzione industriale di bamboline papaveri.



Ps. In caso di pioggia ho anche il piano B, gentilmente offerto da quel geniaccio di Giada di QuandoFuoriPiove. Sempre papaveri sono, ma meno effimeri e ugualmente bellissimi. Guardate qui!


Ps 2. Ho trovato un bel post della Casa nella prateria con tutorial. Guardate qui: io uso però un metodo diverso, lasciando un po' di gambo al bocciolo






36 commenti:

  1. bellissimo!!!! io le facevo anche con le campanule della nonna.. che danze!
    http://img1.fotoalbum.virgilio.it/v/www1-2/161/161911/275356/Campanule_-vi.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uau! questa mi manca! Ma la testa con cosa si fa???

      Elimina
    2. Un tuffo nel passato, davvero! Grazie per questi ricordi! gabry

      Elimina
  2. mi hai fatto ricordare una cosa bella bella!!! e mi sono venuti in mente anche i braccialetti e le collane di pratoline...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le collane, che io ho chiamato ghirlandine, non sono più sicura di saperle fare, ma tenterò :)

      Elimina
  3. la mia nonna usava la parola "damina" per le bamboline che mi aiutava a disegnare... ooohhh, che post macchina-del-tempo! Cercavi la leggerezza e hai regalato tanta tenerezza e nostalgia!
    Sono molto belle le tue damine, io non le sapevo fare, ma adesso le insegnerò al Puki, sai mai che fra trent'anni se ne ricordi guardando fiorire i primi papaveri! Un bacio grosso cacciatrice di papaveri!!!
    P.S.
    geniaccio??WoooW!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato anche io: facciamo insieme le damine e ti regalerò un ricordo :)

      Mi è venuta una nostalgia della mamma...... Ma non solo per questo, è un po' di giorni che ci penso :)

      Elimina
  4. le facevo anch'io!!! omadonna cosa mi sei andata a rivangare...(i tempi in cui mangiavamo le margherite di nascosto, che infanzia difficile). e i timbri a stella con il pirulino che usi come testa, li facevate sulle braccia e sulle mani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto! In realtà io li facevo sulla fronte e mi pare di ricordare che farli poi andar via fosse un'impresa :)

      Elimina
  5. io li usavo come giochetti: indovinare il colore del bocciolo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kikki!
      Rido ancora per l'email :)

      Indovina il colore è un classico senza tempo! Noterai che ho trovato il rosa e il bianco! Sono fortunata :)

      Elimina
  6. ma che carine!!ma solo io non le conoscevo :(

    RispondiElimina
  7. Sono cresciuta in campagna eppure non le so fare.. sono carinissime! Voglio provare a farle,, grazie!

    RispondiElimina
  8. Allora e' stata proprio una bella idea,eh?? Alla fine qui il clima non ci ha ancora indotto a gite fuori città ma mi rifarò appena possibile, le rivoglio anch'io le bamboline!

    RispondiElimina
  9. Mi hai riaperto un mondo di ricordi :)
    E, come al solito, ho reagito muovendo le mani (che detto così sembro una violenta).

    Te le meriti le bamboline!
    Tu mi dai sempre grandi spunti :)

    RispondiElimina
  10. umpf. nostalgia.

    buon fine settimana, che sia in giardino o in giro, go-di-te-lo tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fine settimana è abbondantemente passato. E ti mando lo stesso un bacio

      Elimina
  11. Che poesia in questo post. baci e spero la tosse passi prestissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Cì, un bacio pure a te (e la tosse è qui con me)

      Elimina
  12. Barbara, sei una potenza!!! Anche io ricordo le bamboline e il giochino per indovinare il colore dei petali.
    E quei fiori che si succhiavano, che oddiomiochestaifacendo era il commento che suscitava negli adulti che ti guardavano, ma di cui non ricordo il nome (dei fiori, non degli adulti...).
    Buon pranzo erboso, e, se ti restano 2 minuti, passa da me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHHAAAAAAAAAAAAAAAAA i fiori che si succhiavano! un salto indietro di 30 anni!
      Mi ricordo, quelli fra il bianco e il lilla, non mi ricordo più il nome e il gusto. Mi toccherà riassaggiarli ;)
      che spasso i tuoi commenti, mi fai sempre ridere.
      E vuoi vedere che mi hai dato un altro premio??? Ma sei esagerata eh! vengo a vedere

      Elimina
  13. anche per me era un gioco indovinarne il colore... senza dubbio fare le damine è più "poetico"!
    il tuo blog è bellissimo e tu una persona davvero speciale!! :-)
    da oggi ti seguo anche io!
    (sono arrivata tardi per lo strano concorso... ma la farai la terza edizione vero???)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca,
      grazie che mi segui, ne sono onorata.
      Per una coincidenza veramente strana io ho scoperto il tuo blog ieri e sono rimasta fulminata :) Ma davvero! L'header di Fiori in testa è stupefacente e io vedo papaveri :)
      I tuoi disegni sono eccezionali e a questo punto vorrei vedere anche il tuo mostro. Qui non si arriva mai tardi. Se vuoi iscriviti, anche se le iscrizioni sono chiuse, e dì che ti mando io eheheheh....

      Elimina
  14. Apperò! Che tutto nel passato che mi hai fatto fare!

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. :) ehehehe un salto indietro di 10 anni....? ehm, preferisco non essere precisa sul numero degli anni che son passati ;)

      Elimina
  16. Mi son salvata nel pc le foto delle bamboline..troppo beelle! È che io credevo che solo mia mamma era fissata co sta storia del re e della regina e da piccola x "tenermi buona" mi diceva sempre di fare ste bamboline. Ma io mica ci riuscivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che, se provi adesso, sei capace! :)

      Elimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...