giovedì 31 maggio 2012

Ho un indiscutibile talento



Da due giorni, dal terremoto che anche qui ci ha fatto tremare, vivo sospesa.
Ho avuto paura e sono ancora in allarme.
A tratti riesco a ridere di me, come ieri, già in piedi e pronta all'evacuazione, non appena il divano si è mosso......dopo la scossa provocata da Killò che ci si è tuffato sopra.
A tratti invece non riesco a riderne, sdrammatizzo ma non mi convinco.


Vorrei reagire e ripartire ma i miei passi sono così piccoli e lenti che quasi non si avvertono.

Voglio ritrovare la parole e il sorriso, perché in fondo già lo sapevo che non possiamo controllare tutto, che ci sono eventi terribili che capitano e basta.
Ho fatto appello a tutte le mie risorse, come si deve fare nei momenti di difficoltà, per mandarmi un messaggio, per dirmi: “Ok, hai avuto paura, ma da questo momento riparti o almeno provaci seriamente”.

Io sono brava nel notare le piccole cose e son capace di disegnare due puntini per gli occhi e una linea tonda per la bocca. Ho esperienza, io.
Mi son fatta i piedi sorridenti e, sia chiaro, non l'ho fatto per far ridere i miei bambini, ma per far sorridere me.

Mi ci vuole, ne ho proprio bisogno.

Si possono creare delle piccole occasioni di sorriso e si può goderne? 
Penso di sì.
Questo non cancella la paura, ma la affianca, per cercare nuovi equilibri.

E se vi mancano le parole, se la paura e la tristezza vi stringono il cuore, potete cercare un momento di distrazione nelle immagini e nelle emozioni che sanno evocare, qui, nel gioco leggero e profondo che si è inventata Zelda, su Instagram.
Una raccolta di immagini di piccole cose, di particolari, un promemoria visivo di quanto la vita sia bella.
Partecipo anche io, su Instagram sono lababo (Barbaramfc). Il tema di oggi è “raccontaci i tuoi passi”.

Certo ho appena ammesso che i miei passi sono pochi e lenti, però ho un altro indiscutibile talento: da ferma, con i piedi, riesco a fare “Ok!”. ;)






50 commenti:

  1. Anche io so fare ok con i piedi! In realtà col sinistro è un po' stentato, ma il destro farebbe invidia a Fonzie!
    Anche io rido di me, ma continuo a tenere una borsina di emergenza nell'ingresso.
    Anche io faccio giocare i miei bimbi, ma tremo per mio marito, che è inviato a Modena.
    Anche io, di tanto in tanto, mi fotografo i piedi, ma non pubblico nulla perchè ho le dita storte!!
    Anche io tante altre cose, per questo motivo amo leggere il tuo blog...ma è troppo lungo e doloroso per un semplice commento.

    Un abbraccio assolutamente non tremolante!
    Frafra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla prima lettura avevo capito che mi stavi dicendo che il mio blog è "troppo lungo e doloroso". Poi ho riletto e ho capito :)
      Mi hai strappato un sorriso, per questo fraintendimento. Un sorriso amaro, visto che tu hai davvero qualcosa di doloroso nella tua vita.
      Ecco, a sorridere amaramente sono brava, altro talento. Che poi è anche una salvezza :)

      Elimina
    2. Rileggendo, effettivamente, non ero stata poi così chiara! Pardon!!
      Certo che è una salvezza, per te e per gli altri, che talvolta ti si aggrappano proprio per questo. Come se tu fossi forte!! Ahahahah! Anche questo fa ridere...vedi? Ridere è un tunnel da cui non si esce!
      Meno male...

      Elimina
  2. Ti diro: anche a me sono rimaste un po' dentro le scosse degli ultimi giorni. E mi trovo ad addormentare i figli pensando che, fortunatamente, la parete appoggiata al letto è portante e, almeno loro, sono al sicuro. Cioè, da fuori non si direbbe che sono in ansia (non lo direi nemmeno io) e poi, invece, si fan questi pensieri.... Ed io non so nemmeno fare l'okkei con l'alluce :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ansia, tutto in una parola :)

      Capisci però che l'okkei con l'alluce è di importanza imprescindibile: devi allenarti! Non porti inutili limiti e, un giorno, quando lo insegnerai ai tuoi figli (a fare l'alluce's ok) mi ringrazierai ;)

      Elimina
  3. E' difficile capire cosa significhi terremoto, non avendolo mai provato, però so cosa sia la paura, cosa sia il non riuscire a muoversi perchè terrorizzati e riuscire a farlo solo a piccoli passi.
    Tutte le parole in questo momento sembrano fuori luogo e allora ti mando solo "un abbraccio forte forte" come dice il mio Deddè quando sto giù per tirarmi su :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Star, grazie di questa tua dolcezza. Non preoccuparti però. Io sono di Verona, dove la scossa si è sentita tanto, ma non ha creato danni seri. Solo paura, ma pauuuura. :)

      Elimina
  4. ma che storia, anche io sono capace!!!!
    cmq come ti capisco. io continuo a sentire tremare, per poi accorgermi che magari è la mia pancia appoggiata alla scrivania :(
    vedo che alla fine vai il 9! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se appoggi i gomiti sul tavolo, fai vibrare e poi, nel letto, se tuo marito muove un piede....ecco la scossa :)

      Il 9 voglio e spero di andare ;)

      Elimina
    2. io invece non ce la farò. hanno vinto le orecchiette con le vongole + mojito per tutti.
      cmq quella del marito che si muove nel letto ha preso tutt'altra sfumatura, dal terremoto.
      ti ho taggata su IG :D

      Elimina
    3. AHAHAHAHAHAHHAHAHAH ho visto! Se hai scoperto il tuo talento grazie ame, mi rendi fiera :)

      Elimina
  5. io ok col piede non lo so fare (ci sto provando da dieci minuti ma mi si alzano tutte le altre dita) ma in questi giorni di incertezza e tremori, su tanti fronti, mi viene da farlo con tutte e due le mani per ritornare a sorridere... non è facile farlo anche se, come dici tu, uno ha scelto il sorriso e la consapevole felicità...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo scelto il sorriso, ma non viene sempre spontaneo; così devi sceglierlo ancora e ancora.

      Mi viene da pensare che io non so certo disegnare come te e forse è quello il tuo talento :) Tu puoi disegnare il piede che fa l'ok in un batter d'occhio e vale uguale (o forse di più)

      Elimina
  6. Il tempo aggiusta tante cose... io ho vissuto un terremoto nel 1990 (Sicilia orientale), era del grado 5,7. L'unica cosa positiva fu che l'epicentro era al largo, in mare e durò "solo" 45 secondi... il terrore è davvero paralizzante ma poi si supera. Certo, in questi giorni non si parla d'altro anche qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo 45 secondi... mi vengono i brividi. Aspetta che mi riguardo un po' i piedi sorridenti :)
      Il tempo, facciamolo passare, hai ragione.

      Elimina
  7. Mio marito continua a dirmi:" Siamo obbiettivi! Sono cadute casa vecchie quelle del centro storico!" Si ok potrebbe essere vero... Ma il terrore che ti lascia una cosa che non puoi fermare...
    Facciamo così pensiamo alla nostra via di fuga e poi non ci mettiamo gli imprevisti, ed ecco il nostro cervello si metterà tranquillo!!! :DDD

    OK!! con i piedi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il cervello tranquillo: tu chiedi molto. Fra un po' di giorni, magari :)

      Elimina
  8. E ti riesci pure a fare una ottima pedicure, mannaggiaattteeeeèèèè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima.... dignitosa :)
      Questa estate con lo smalto ho deciso che ci do dentro. Il resto è disastro, ma le unghie no. Da qualcosa bisogna iniziare :)

      Elimina
  9. Ok mi hai fatto sorridere anche questa volta, meno male che ti e' venuta questa fissa per piedi e smalto così i passi avanti diventano tremendamente fashion!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah....di fisse ne ho tante, non tutte fashion :)

      Elimina
  10. questo post è aperto su firefox da oggi pomeriggio, e ogni tanto riguardo sta foto e mi guardo i piedi (chè io ho la scrivania in vetro e me li vedo da quassù) e niente, non son mica capace.... MA COME FAI???
    un abbracccio
    io oggi mi sono un po' calmata, sono riuscita a non pensare alla paura (ma penso sempre alle persone in tendopoli ...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un talento naturale, il mio unico talento ;)
      Credo che con un duro allenamento tu possa farcela.

      Capisco ciò che scrivi e io penso ancora alla paura e alle tendopoli :(

      Elimina
  11. Sai che ogni volta che mi do lo smalto ti penso? :) è da quando hai parlato del valore della manicure come "momento -sacrosanto- per se' " che ogni tanto me la faccio.
    Anche io sono capace di fare ok ;) eh eh
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cì che bello! Ti dai lo smalto e mi pensi?
      E' incredibile anche questo conoscersi senza essersi viste.

      Quando ci incontreremo ci faremo ok con l'alluce in segno di frattellanza :)))

      Elimina
  12. AHAHAHA, Vengo qui, leggo, penso, mi ci ritrovo9, come al solito e forse questa volta molto di più del solito, studio un commento lieve e carino per fartelo capire, poi leggo Cì e me ne scordo, perchè in effetti la prima cosa che ho pensato arrivando è stata "ecco, adesso anche quando mi darò lo smalto alle unghie dei piedi mi ricorderò di Barbara"... :D Donna indimenticabile, a svariati livelli!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La donna dello smalto.
      Tu forse non sai che l'ho inventato io. Già.

      AHAHAHHAAAAAAAAAAAAAAA :)

      Elimina
  13. beh io ste robe coi piedi.....ah ah ah ciò provato appena letto, sotto la scrivania.......e ho gli allucioni ma così disinvolto non mi viene.....
    e allora sorridi!!!!!! : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi allenarti! Se vuoi, ti invito: birra e alluce :)

      Elimina
  14. Anche io so fare ok con i piedi:-) sono talentuosissima io con i piedi.
    Anche io sto in ansia anche se sono più lontana, ma mi sono ritrovata a spostare tutte le cose che potrebbero cadere dalla mensola sulla testa di Stefano mentre dorme.
    Le scosse spesso le ho sentite, sempre per fortuna da lontano, ma il cuore mi si fa piccolo piccolo e mi si stringe a pensare. E allora anche io leggo il tuo post e faccio Ok con l'alluce e cerco di ripartire.
    Grazie Barbara per i tuoi sorrisi. E io ho lo smalto verde. Verde speranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (uff.... alle mensole non avevo pensato)

      Verde speranza, così funziona anche meglio :)

      Elimina
  15. Stavo leggendo i commenti e mi dicevo "ma come fanno in cosi' tante a saper fare l'ok con l'alluce?" Poi ho provato e toh, ci riesco anch'io! Avevo un talento latente e neanche lo sapevo!!! Se non era per te!!!

    Barbara, sei da Verona? Io di San Dona', in provincia di Venezia. Per fortuna noi le scosse le abbiamo sentite solo il primo giorno, poi piu' niente.

    Pero capisco la tua paura. Quando lavoravo in un conference center a Londra, ero la responsabile di un intero piano in caso di incendio. E pur avendo paura quando partiva l'allarme, non potevo mostrarlo perche' la gente guardava me e aspettava le mie indicazioni, dovevano seguirmi sul retro e poi dovevo fare l'appello. E ti assicuro che in un paio di occasioni di mini incendi {ma noi non lo sapevamo} il panico e' diventato contagioso.

    Qualche anno prima ero a lavoro in un pub della City proprio quando c'e' stato l'attentato alle Torri Gemelle e si temeva che il prossimo target sarebbe stata Londra... e poi la bomba che hanno messo sulla metro che prendevo io ogni mattina... fortuna che quel giorno mi ero svegliata prima ed ero uscita di casa 15 minuti in anticipo. 15 miseri minuti che mi hanno salvato la vita....

    Quindi si, so cos'e' la paura, quella vera. Ti auguro una buonissima domenica,
    alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male che l'hai scoperto: come si fa senza???? :)

      Quello che mi racconti della paura, quella vera, mi fa tremare.

      Elimina
  16. non ho altre parole degne di essere scritte se non: i piccoli passi, sono sempre passi e a volte bisogna anche accontentarsi :)


    (naturalmente so fare anche io Fonzie col piede)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accontentarsi. Me lo segno.

      (non dubitavo)

      Elimina
  17. Ho scoperto di saper fare ok con gli alluci, anche in contemporanea, penso in tanti se solo ci provassero ... E se per ogni alluce su ci fosse un piccolo dono per i piccoli che in questi giorni vivono nelle tende? Cosa possiamo inventarci? Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ok con l'alluce è un talento diffuso e sconosciuto ;)

      Non so cosa possiamo inventarci per i piccoli e i grandi nelle tendopoli, ma vedo che in Rete le iniziative ci sono e ne ho già scelte un paio ;)

      Elimina
  18. Ho scoperto di saper fare ok con gli alluci, anche in contemporanea, penso in tanti se solo ci provassero ... E se per ogni alluce su ci fosse un piccolo dono per i piccoli che in questi giorni vivono nelle tende? Cosa possiamo inventarci? Notte

    RispondiElimina
  19. eh si ci riesco! forte ciao sono mamma di due gemelline se ti va vieni a trovarmi

    RispondiElimina
  20. Mi avevi detto di non aspettarmi nulla di speciale da questo blog e invece, io lo trovo cosí bello e pieno di vita. Ti seguo in Instagram, mi piacciono molto le tue foto e le splendide parole che accompagnano i tuoi scatti. Mi piacerebbe essere brava con le parole come lo sei tu Barbara, spero un giorno di potermi lasciare andare e di riuscirci.

    Ciao, buona serata
    Elli =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elli_v, che bella sorpresa trovarti qui. Sei venuta davvero :)
      Tu sei bravissima a fotografare le nuvole, che mi sono rimaste proprio negli occhi...
      Le parole a volte non servono, a volte basta lasciarle uscire.
      Un abbraccio grande

      Elimina
  21. I tuoi piedi mi hanno molto ispirata, domenica ho cucito e dipinto una bambolina di pezza che ha lo stesso contagioso sorriso :) non cambiare mamma fatta così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahah ispirata dai miei piedi :)

      Noto con piacere che cuci e cuci. Brava!

      Elimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...