lunedì 21 novembre 2011

La storia di chi c'era


(Se tu non c'eri e vuoi capire di cosa si parla, è meglio se prima leggi “Il post con la foto in fondo”).

"La mamma che balla sull'erba", Biondazzurra,
Maggio 2010, pennarelli su carta
Capitava un giorno, fra le colline veronesi, che ci fosse una donna fatta così, che si era svegliata, aveva di corsa portato alla scuola materna la bionda figlia e fosse tornata a casa dal suo biondo figlio raffreddato. La chiameremo Barbara, per comodità.
Era un freddo venerdì di novembre e sempre per comodità diremo che era venerdì scorso, il 18.
Questa Barbara aveva aperto un blog da ben tre giorni e stava davanti al suo portatile, pronta a scrivere il post del giorno. Il bambinello, che per comodità chiameremo Killò, trotterellava in giro, in cerca di ispirazione per qualche nuovo guaio da combinare.
Nottetempo la riccia donna aveva deciso di scrivere un post di cucito, ma poi, alla luce del giorno, l'idea non la convinceva più. Così, in attesa di una decisione definitiva, con un occhio al pc e l'altro al pestifero demonio piccolo, aveva cominciato a smanettare su Blogger, aggiungendo un bel gadget di qua e uno di là, porconando con Facebook, togliendo il gadget che all'improvviso era diventato brutto e via così.
Nel frattempo Killò, che aveva trasportato sul divano una quantità impressionante di libri di Barbapapà, se ne stava seduto con l'occhio lacrimante e il moccoletto giallo, intento a sfogliare quelle pagine così sottili che girarle è un'impresa. E all'improvviso, aveva guardato la sua mamma e le aveva fatto il sorriso più bello del mondo, salutando anche con la manina cicciotta e sporca di pennarello blu.
Barbara continuava a smanettare, seduta al tavolo, quand'ecco che una voce, forte e chiara, aveva parlato. La voce veniva da dentro e forse era più un pensiero, resta il fatto che Barbara quella voce ultimamente la sentiva spesso e la conosceva. L'aveva battezzata “Oltre Babo”, riconoscendo che era una parte di sé che sembrava oltrepassare tutto ciò che lei era stata.
La voce, beffarda, aveva scandito: “Stai temporeggiando”.


(Vi racconterò di Oltre Babo e di come si sia manifestata, quando i tempi saranno maturi; per ora vi basti sapere che Lei c'è e c'è pure molto).

Barbara era rimasta pietrificata e tentava risposte del tipo: “Non è affatto vero, guarda che gadget, e poi che tristezza il blog senza Facebook e poi e poi ….adesso devo giocare con Killò”. Ma volgendo lo sguardo al divano, aveva visto il piccoletto addormentato, con il suo libretto stretto al petto e aveva capito. Non c'erano scuse. Non c'erano più scuse.
Portato nel lettino il suo bimbo, la mamma si era di nuovo seduta e aveva iniziato a scrivere e scrivere, senza sosta, saltando il pranzo.
Alle 13 il post era pronto, con tanto di foto, in fondo, ma c'era. Bastava cliccare su “pubblica”.
E lì, Barbara si è detta: “Neanche morta lo pubblico”.
Seduta, ripassava tutti i solidissimi motivi per cui NON pubblicarlo.
Già vedeva se stessa, vestita a festa, davanti a un giornalista del Tg che le chiedeva: “Cosa vuol dire a quelle persone che, a seguito del suo post, hanno fondato il gruppo TuoFiglioNonE'Bellissimo E'Down?”.
E, ancora peggio, vedeva una se stessa che scoppiava in lacrime e, fra singhiozzi e singulti, balbettava con voce spezzata: “Voglio dire che sono cattiviiiiiiiiiiiiiiii”.

Rifletteva fra se, fissando lo schermo: non son mica scema, è un blog di cucito il mio, così era deciso, io non so fare il diario on line, lo escludo, non esiste. E poi la foto, ma dai, non le ho messe nemmeno su fb e quando vedo la mia, mi ribolle il sangue. Ma perché ho scritto 'sta roba? Io non scrivo mai, non scrivo niente, e poi mi viene fuori questo e...
La voce di Oltre Babo è sembrata un tuono. Poche parole ma ben dette.
“Ecchecazzo! Dacci un taglio”.

É allora che la donna ricciuta ha cliccato su “Pubblica” e il post ha iniziato il suo viaggio.
Dapprima se n'è stato tranquillo sul blog e quasi si annoiava un po', ma poi... ma poi....
Per un intrecciarsi di molte coincidenze, e di molte vite reali e virtuali, ha iniziato a volare, sempre più lontano e sempre trasportando con se' un sorriso splendente.

E ha visto lacrime e commozione, ma anche qualche risata e il sincero stupore di chi non se l'aspettava proprio. Ha visto donne tristi che per un attimo hanno sorriso e donne allegre che si son fatte serie, ha visto qualche papà, qualche nonna......

Fu così che un piccolo messaggio, fece tanta strada, volando lieve di cuore in cuore.
In fondo parlava solo dell'amore incondizionato di una mamma per il suo bambino, di quell'amore che c'è negli occhi di tante madri e che tante volte hai visto negli occhi di TUA madre.
A volte fa bene ricordare che quell'amore c'è.

Questa storia l'ho iniziata io, ma l'hanno raccontata i vostri commenti e le vostre mail.

Nel frattempo la nostra Barbara è vissuta on line tutto un venerdì e un sabato, travolta dall'emozione, per rispondere a ogni nuovo messaggio, per non dimenticarne nessuno.
Perché si sa, l'apparenza inganna: sembravano commenti ma erano persone!

Oltre Babo l'ha già ringraziata, ora manca di ringraziare tutti voi.
Grazie.



Nota del 23/11/2011: la frase “i commenti sono PERSONE” mi ha fatto molto riflettere. Non è una frase mia: l'ha scritta Barbara Damiano nei commenti al bellissimo post su RETELAB, che potete vedere cliccando qui. Ho ritrovato solo ora il link e solo ora lo pubblico. 

42 commenti:

  1. Il padre dei miei figli e mia dolce metà, mi ha fatto con garbo notare che questo post è AUTOCELEBRATIVO e che giusto Ligabue, dopo 10 concerti, si può concedere un dietro le quinte...
    Io però son donna e ho bisogno di manifestare i miei sentimenti e il post lo dimostra :)
    ma da domani, gran post di cucito!!!!!!!!!
    Baci. Aspetto Voi.

    RispondiElimina
  2. :) Il mio sorriso qui risulta piccolo piccolo ma credimi è grande graaaande! Noi donne abbiamo bisogno di AUTOCELEBRARCI ogni tanto, è giusto! Hai fatto bene, anche perché il post con la foto in fondo è davvero molto bello e te li meriti, i nostri ed i tuoi complimenti nonché commenti!
    Buon inizio settimana! :)

    RispondiElimina
  3. Nel tuo blog ci sono capitata per caso leggendo un tuo commento in un altro blog. Aprirsi non è cosa semplice ma è terapeutico per la propria persona. E poi scoprire che ci sono tante persone che possono interagire con te in questo mondo che, in realtá, ha ben poco di virtuale, secondo me è fantastico. Te lo dice una che è sempre stata scettica a riguardo :-) W la voce di Oltre Babo!!!

    RispondiElimina
  4. ti meriti ogni autocelebrazione...non sono brava con i discorsi..a stento riesco a scrivere un post nel mio angolino virtuale...sappi però che mi hai scaldato il cuore.quindi grazie a te!

    RispondiElimina
  5. No, dai! non fare così che mi fai piangere. sul serio, non per finta!

    RispondiElimina
  6. sai che ti dico !che a me questo blog piace molto ,per cui pian pianino fallo crescere ,autocelebrati ,insegnaci a cucire ,fai quello che ti va e noi ognitanto veniamo a curiosare.
    Sara (blogger stamani non mi fà commentare)

    RispondiElimina
  7. @eu. diciamo che cerco di crederti eheheh:) e meno male che almeno a te oltre babo piace!
    @pink: tu sei davvero esagerata! però l'immagine del tuo cuore caldo è così cariiiina. grazie (e pensa positivo!!!)
    @speranza: diciamo che speranza ha condiviso subito il mio post con killò e se il post ha volato tanto è merito anche suo. Se vi va, aiutatemi anche voi. Condividete il post di killò, perchè vorrei arrivare anche a certe mamme speciali e io da sola non so farlo volare.
    che poetessa eh?!

    RispondiElimina
  8. @mammapasticciona: anche il mio sorriso è graaande grande e il tuo entusiasmo è contagioso :)

    RispondiElimina
  9. @sara: sì, pare che oggi siamo tutti anonimi, e c'è quel tocco di mistero che non guasta ;)
    ma lo sai che il tuo approccio così light mi piace davvero?!! è un ottimo suggerimento perchè io sento crescere le aspettative... allora io faccio le mie robette e le metto qua. e voi ogni tanto venite a trovarmi. mi sento meglio :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Barbara. Scoperto il tuo sito per caso in un altro blog di "noi mamme blogger"...Passerò di tanto in tanto a leggerti perchè mi sembri una mamma speciale! Ciaooo Gabry

    RispondiElimina
  11. cioa unamamma bis. Sai che non lo conosco "noi mamme blogger" mi mandi il link? anche in pvt. e spero di rivederti! ciao

    RispondiElimina
  12. Hai aperto il blog da pochissimo e ti conosco da poco, (ho letto il tuo post su MammaFelice e commentato, ricordi?), ma piaci da matti! E in fondo il blog è questo: sfoghi, lavoretti, amicizie, vocine strane. Grazie per la partecipazione al giveaway Famiglie SMA!

    RispondiElimina
  13. Ciao Barbara, sono arrivata qui dopo il tuo commento sul mio blog e ho letto proprio QUEL post.
    Ma Belvetta chiamava quindi...nada commento.
    Lo faccio ora, e sono contenta di farlo ora perchè ieri parlavo con Mammafelice che mi ha confermato la prima impressione che avevo avuto: sei una bella persona, con un cuore enorme...ma poca autostima mannaggia a te! Ma scrivi benissimo, sai tradurre in parole sentimenti complessissimi...scrivi!
    Davvero...per favore scrivi!
    E non ti scordare i post di cucito che sto imparando, sono impedita e mi servono :-D

    RispondiElimina
  14. @pollon72: io invece ti conosco da un bel pò... e mi ricordo il post di mammafelice (sia lode sempre) e anche la tua gonna di hallowen e...e poi ti pare che non partecipo se ci sono bimbi speciali in giro???? ;)

    RispondiElimina
  15. autocelebrarsi a volte fa bene, che a volte sordi come siamo non sentiamo che gli altri ci dicono brava!!!! sei bravissima, io a volte quando devo parlare di mie emozioni mi sento stitica..tu invece sei parecchio fluente :))).

    RispondiElimina
  16. @mammachetesta: tu e mammafelice che parlate di me... questa poi. Io di enorme comunque non ho solo il cuore ;) e, mannaggia a te e a voi due, manco sapevo di avere un problema di autostima!!! ho i piedi piatati per terra io, e le mani in pasta e altre amenità. grazie e per il cucito ci penso io!

    RispondiElimina
  17. @mammadifretta: già mi definisco flente e bella (hai visto che autostima?). ;)

    RispondiElimina
  18. La gonna di Halloween eh eh. Alla fine l'ho indossata davvero! Due volte, per andare alla festa a Italia in miniatura. E uno dei due giorni ho incontrato due mamme con rispettive famiglie con cui avevo scambiato mail. Avran pensato che sono un po' matta?!

    RispondiElimina
  19. Io e te abbiamo almeno un paio di cose in comune, a quanto pare. Poca autostima e un marito che, quella poca, pensa bene di distruggercela. (Anche il mio commenta di solito assai cinicamente i miei post). Pazienza. Ignoriamoli. E diciamocele tra di noi le cose come stanno. Sei un donnino fantastico. :))))

    RispondiElimina
  20. Io sono convinta che fosse arrivato il momento giusto per aprire il tuo cuore e la tua vita alla rete... e che Oltre Babo abbia dato solo la spinta definitiva a qualche cosa che erà già pronto in te.... Sarà un piacere seguirti.

    RispondiElimina
  21. "Perché si sa, l'apparenza inganna: sembravano commenti ma erano persone!"...
    ...Queste tue parole (pure le altre per carità eh ;) !) sono fantastiche nella loro semplicità!

    RispondiElimina
  22. complimenti, gran bel lavoro!!
    in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  23. @chiara i. : donnino fantastico è una definizione pazzesca che farò mia! non prendertela se mi dissocio dal resto: sono le due Blogger sopra a dire che io manco di autostima, a me pare di averne a sufficienza ;) il maritino mio è molto lucido, ma in famiglia sono io la cinica, dissacrante, cattivella.. però vedrai che le troviamo altre due cose in comune!

    RispondiElimina
  24. @Stefania:grazie, Oltre babo è una spingitrice di donne eheheh. sarà un piacere averti qui, lettrice fissa mia
    @lacasettadelleidee: c'è un problema! le belle parole "sembravano commenti ma erano persone" non è mia. L'ha scritta MAMMAFELICE da qualche parte ed è tutto il giorno che cerco dove, ma non lo so. volevo citarla. Sono fantastiche perchè non sono mie ;)
    @janefonda: gran bel nik in tutti i sensi e grazie

    RispondiElimina
  25. Ma che MAGNIFICO DISEGNO!!!! Certo che BIONDAZZURRA ha proprio una bella fantasia.... che avesse preso tutto dalla madre??!!! Ciao un super baciotto a tutte e due le tue creature!!

    RispondiElimina
  26. grazie Augusta: finalmente viene notato lo splendido capolavoro di Biondazzurra! Lei è intelligente come il papà, allegra come la mamma e bellissima come solo lei è. Ci vorrebbe un post.
    baci alle tre creature tue

    RispondiElimina
  27. Ho letto il tuo post tutto d'un fiato. grazie per le belle parole che ci concedi, a me il cicito non interessa sai, però mi interessano le tue parole e il tuo blog è in prim afila tra i miei preferiti.

    RispondiElimina
  28. @graziella: grazie per le cose carine che hai scritto. qui il cucito è fatto a modo mio ;) se puoi leggiti il post che ci sarà domani, che poi mi dici ....ehehehe

    RispondiElimina
  29. Da oggi ci sono anche io! Ho proprio bisogno di una grinta e di un entusiasmo come il tuo! GRAZIE!

    RispondiElimina
  30. @mammadibea: grazie! e io ho bisogno di qualcuno che mi venga a trovare. è così incoraggiante :)

    RispondiElimina
  31. Bellissimo dietro-le-quinte!! Grazie e grazie a Oltre Babo che ti ha fatto premere quel pulsante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre Babo è qui che mi chiede: "Ma che ci fa Jessica in questo post qui? Che stia leggendo i post dell'esordio in rete?" ;)))))

      Elimina
  32. Ho cliccato sul tuo blog per caso, perchè ho scoperto questo mondo da poco e ne sono totalmente e perdutamente affascinata. Appena si è aperta la home, non ho avuto dubbi e la mia vocetta interiore ha affermato "questo te lo devi leggere tutto, dall'inizio alla fine".
    Sono all'inizio del mio viaggio tra le tue pagine e sono felice di essermi fermata qui. Voglio leggere anche dei post di cucito.. chissà magari potrei scoprire una passione recondita.
    Leggendo del sorriso di Killò ho subito pensato a quando il mio sguardo si incrocia con quello di Beatrice e lei mi regala un bellissimo e sdentato sorriso e il mio cuore è esploso, ha iniziato a rimbalzare come fa la pallina di un flipper.
    Comunque, io sono Simona! Mamma di una Bionda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, il fatto è che lo stai leggendo veramente dall'inizio alla fine!!! O_O
      Se poi, arrivata al cucito e agli strani concorsi ti verrà voglia di unirti alla truppa delle allegre principianti, ne sarò orgogliosa.
      lo sono già ora che mi confermi che tu vivi le mie stesse emozioni, da mamma.
      Speciale o no, solo mamma. La differenza è sottile :)
      grazie e benvenuta!!!

      Elimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...