giovedì 19 gennaio 2012

Burlona anch'io!

Posted by Picasa


In questi giorni ho riflettuto molto, grazie agli spunti di un bel dibattito avviato ma soprattutto a causa delle tragiche notizie di cronaca.

C'è chi abbandona la nave, quando la nave affonda.
C'è chi non sente di avere una RESPONSABILITA' CIVILE E MORALE, ma c'è anche chi muore in nome di questo.

Nei pensieri posso perdermi; è l'azione che mi ancora alla realtà, che mi dà un modo di reagire e il “fare” mi fa sentire bene.
Tante volte mi sono tirata indietro perché mi è sembrato che ciò che io potevo veramente FARE, fosse una briciola nell'oceano, un apporto così minimo che non ne valeva la pena, che non avrebbe cambiato nulla.


Oggi cambio idea, del tutto ;)
Se il mio contributo è poco, vorrà dire che mi impegnerò a dare ALMENO quello.

Credo che alla base di una sana e consapevole convivenza sociale stia il RISPETTO.
Non basta però abbracciare questo principio e viverlo fra le mura domestiche e nel proprio piccolo mondo; c'è il dovere morale di testimoniare con i fatti e di vigilare che questo rispetto venga accordato a tutti, a normali e a diversi.
Mi sono posta due semplici domande:
  1. Da cosa posso cominciare a testimoniare con i fatti la mia convinzione che serve più rispetto per tutti?
  2. In cosa riesco bene?

La mia risposta è che c'è solo una cosa in cui riesco bene: sono attenta alle piccole cose, nel notarle e nel gioirne, nel cercarne e nel farne.
La leggerezza è il mio segreto.

Se dopo tutto questo vi aspettate un'iniziativa di grande visibilità, che cambierà veramente il mondo, vi devo disilludere: non ne sono capace.

Sono capace di una piccola iniziativa del tutto personale, ma ho deciso di impegnarmi a farla bene e farla sempre.
Non richiede grande sforzo né tempo: basterà solo un occhio vigile e la giusta mossa al momento opportuno. Piccole cose.

Le modalità di questa azione minima sono elencate magistralmente da Marcolicchio di Anca Sbilenca, un burlone che non conosco di persona. (Vi prego di andare a leggere prima di continuare).
Io farò così:
  • starò più attenta alle macchine parcheggiate in posti auto riservati ai disabili
  • mi impegnerò a controllare se espongono l'adeguato pass
  • se del pass non c'è traccia, alzerò i tergicristalli e me ne andrò con un sorriso soddisfatto.

Il perfezionismo che mi affligge mi ha costretta a preparare anche un bigliettino, scritto a mano, semplice, già pronto nella tasca del mio giubbotto, per quando mi servirà.
C'è scritto:

Caro Amico, la tua auto è in un parcheggio riservato ai disabili, ma non vedo il pass.
Non è che ti sei sbagliato?????”


Per risolvere il problema di dove infilare il bigliettino, se i tergicristalli sono alzati, se c'è vento, mi son messa in tasca anche un rotolino di scotch. Magari aggiungo una forbicina...

Ho già fatto allenamento con la mia macchina, regolarmente parcheggiata, per vedere se ero in grado di portare a termine l'impresa. La foto che vedete su dimostra di sì.

A contarci tutti, pare che siamo in nove a farlo. Nove burloni.
Forse siamo solo in nove, forse siamo già in nove, dipende solo dai punti di vista.

Insomma..... BURLONA ANCH'IO. ;)))))))))))))))





59 commenti:

  1. bella iniziativa Barbara!!
    Burlona anche io !!

    RispondiElimina
  2. a me è capitato anche di sentire chi si vantava di aver posteggiato vicino...in un posto per disabili ma tanto sto solo 10 minuti. Ma cavolo ma il disabile che arriva e trova quel posto occupato non lo sa che tu stai solo 10 minuti e quindi non è che si mette lì ad aspettare sperando che tu arrivi...purtroppo se ne va a cercare posto da un'altra parte e si fa la strada a piedi...con tutta la difficoltà del caso. Per questo l'iniziativa del Burlone mi piace molto e la faccio mia!

    RispondiElimina
  3. Anche io!
    Però i bigliettini li stamperò!
    Ah proposito. Devo farti i complimenti, perché hai vinto il Versatile Blogger Award!
    Fai un salto da me a controllare.
    mmd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamparli è troppo per me!
      E grazie del premio :)

      Elimina
  4. Carina, questa. Io sono pigretto, ma potrei infilarmi in un'iniziativa così. La cosa più divertente non sarà farlo ma vedere che è stato fatto e sapere il perchè.

    RispondiElimina
  5. io cmq lo farei anche per chi parcheggia sui posti per le mamme, perchè ne ho vistiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo che le mamme non hanno il pass... come si fa a controllare?

      Elimina
  6. Mi sembra una brillante idea, tanto più che anch'io nel mio piccolo quando ho qualche problema di mobilità perché non passo con l'ingombrante passeggino gemellare, visto che magari qualcuno fa il furbo e lascia la macchina davanti allo scivolo, o il motorino in mezzo al marciapiede mi limito a fischiettarmi in testa come un mantra: " Non posso imprecare tra-la-la ci sono le bambine con me tra-la-la". Ma non è la soluzione. Questa invece mi sembra un'idea leggermente più costruttiva per smuovere le cose, le idee, le persone, e infine le macchine parcheggiate dove non devono stare! Ti quoto, ti quoto, ti quoto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottolineo che la brillante idea non è mia ma di Anca Sbilenca, che ne sa una più del demonio :)

      In caso di furbetti del parcheggio, propongo lievi modifiche del biglietto. Ad Es: "caro amico, hai parcheggiato davanti allo scivolo/ al cancello /al.... e io con il passeggino con due bimbe non riesco a passare. Quindi, non è che ti sei sbagliato?????????"

      Anche io parecchi trallallà a denti stretti e pare che sorrido :)

      Elimina
  7. Ma che bella questa cosa!! Concordo con Barbara G. riguardo alle macchine parcheggiate davanti (o sopra) agli scivoli dei marciapiedi

    RispondiElimina
  8. Fantastico, io non uso il passeggino da molto tempo ormai, ma il parcheggio sui marciapiedi che ostruisce il passaggio mi ha sempre fatta infuriare, e spesso mi sono ritrovata a pensare che cosa avrebbe potuto fare un disabile in carrozzella, magari da solo. Piccoli e numerosi gesti di soppraffazione e prepotenza.
    Comunque c'è una aforisma di Bertold Brecht che mi ripeto spessissimo quando mi ritrovo a pensare che il contributo di una persona non fa la differenza e mi faccio prendere dallo sconforto, fa più o meno così: nessuno fece errore più grande di colui che non fece nulla per paura di far poco.
    Da domattina rotolino di scotch e bigliettini a volontà!
    Ciao,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella la frase di Brecht, molto acuta, quasi pungente.
      sono felice che ti unisci al gruppo :)

      Elimina
  9. Apprezzo sempre di più i particolari della tua leggerezza!
    Alzare e piegare un tantinello il tergicristallo non è da burlona vero???? *_* ok, ci devo lavorare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhm.... piegare il tergicristallo no, infrangi la regola del rispetto. :)
      Niente ti vieta di chiamare i vigili, i carabinieri.... eheheh dipende da quanta soddisfazione ti vuoi togliere ;)

      Elimina
  10. Be', la mia è nata solamente come una piccolissima protesta personale contro chi crea disagi a me e a chi è anche più in difficoltà di me. Non pensavo certo che qualche svalvolato (^_^) l'avrebbe presa e ingrandita! Bello però! Sarebbe davvero bello se si diffondesse sempre più!

    Posso solo ringraziarti a nome di tutti quelli che sono intralciati da chi se ne frega dei loro diritti!

    Avanti così allora!

    RispondiElimina
  11. proprio te aspettavo :)
    I tuoi ringraziamenti mi confortano, perché mi rassicurano sul fatto che ci fosse bisogno di altri valorosi difensori dei parcheggi per disabili. Purtroppo sulla diffusione dell'iniziativa non posso garantire: penso anch'io che sarebbe bello, ma servirebbe l'aiuto di qualcuno (CONDIVIDETE GENTE; CONDIVIDETE).

    In realtà non dovresti ringraziarmi, sia perché lo faccio per divertimento personale, sia perché allora dovrei scusarmi io del fatto che non ho mai pensato fosse mio dovere fare questo piccolo gesto, prima di leggerlo da te.
    Avanti tutta, avanti sempre.
    Grazie che ci sei tu e il tuo blog :))))

    RispondiElimina
  12. Ma che forte! Ci sto! Non credo di riuscire ad organizzarmi con i bigliettini che magari una volta ho la borsa, quella dopo no... Però i tergicristalli si, ce la posso fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evviva! sai che bello Claudia, un giorno magari ci incontreremo per un caffè e due chiacchiere di cucito, ma mentre cammineremo verso il bar, entrambe staremo attente e pronte ad alzare tergicristalli a manetta :))))))))

      Grazie che hai condiviso su Fb. é un gesto piccolo ma importante, credo

      Elimina
    2. Mi piacerebbe tanto prendere un caffè con te! Alzare i tergicristalli e scappare via ridendo ah ah!

      Elimina
    3. vedrai che prima o poi.... e viene anche Cì :)

      Elimina
    4. Magari! sarebbe bellissimo!

      Elimina
    5. Organizzate e io vengo :) (Burlona anch'io ovviamente...)
      Avevo commentato su FB ma i commenti sono altrettanto interessanti... :)

      Elimina
    6. tre burlone andando a spasso, inciamparono in un fesso e lasciarono un biglietto lallalalllalaà (la sapete questa canzone???) ;)

      Elimina
  13. Assolutamente burlona anche io, con molta gioia! Ho alzato non sai quanti tergicristalli in vita mia per aver bloccato le rampe dei marciapiedi ora seguirò il tuo suggerimento aggiugendo i bigliettini.

    RispondiElimina
  14. io no. Non l'ho mai fatto. Non lo sapevo. Ho anni da recuperare :)))))))))

    RispondiElimina
  15. Ci sto!!! Tergicristalli su! Io odio chi parcheggia nei posti riservati o chiude le rampe per non fare 100 metri in più, ogni volta che li vedo inveisco! Una volta c'era la campagna "vuoi il mio posto? Prenditi anche il mio handicap!" mi sembra una cosa simile! Però devo ammettere che non mi piacciono neanche quelli che hanno il tesserino per una giusta ragione ma che parcheggiando nei posti riservati anche senza disabile a bordo, non va bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già. Secondo me è importante che anche quelli che disabili non sono si sentano responsabili di tutti queste furberie che si vedono in giro. e lì, almeno il bigliettino :) o il tergicristalli su

      Elimina
  16. Ciao! Fai un salto da me che hai vinto un premio!

    RispondiElimina
  17. e qui io ti vedo sbucre in tutina attillata da supereroe......piccole cose....forse le più importanti....a volte solo un sorriso ha poteri cosi grandi....
    hai il mio tifo, un po da stadio e mi metterò d'impegno anch'io

    RispondiElimina
  18. Burlona anche io!!!
    Anche se devo dire che ogni tanto mi verrebbe di fare di peggio!!
    Buona giornata a tutte!

    RispondiElimina
  19. È un' idea troppo forte ! Sai che a San Martino di Castrozza in trentino accanto ai parcheggi per disabili c'è un cartello con scritto " invece di prendermi il posto perché non prendi la mia disabilità " mi aveva colpito tantissimo, mai visto cartello più intelligente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho sentito anche io quello slogan e davvero non mi piace ;)
      Intanto prevede che solo i disabili debbano mettere i bigliettini per tutelare i loro diritti. Secondo me, la novità è che dobbiamo metterli tutti, per garantire noi anche i loro diritti. Così, per burla, e per responsabilità civile.

      Opinione mia, eh!

      Elimina
    2. Io non l'avevo letta così, nel senso che non è che c'è scritto "te possino spero che ti venga quello che ho io" ci mancherebbe! Io lo vedo come un invito a riflettere perchè sai non credo che tutti quando parcheggino in un posto riservato ad un disabile abbiano la sensibilità di capire che così facendo creano una serie di disagi di non poco conto. E non ci vedo neanche l'idea che siano solo i disabili a dover mettere i bigliettini, anzi mi pare una presa di coscienza da parte di un Comune che cerca di mettersi nei panni del disabile tentando di rendere più capillare e più diretto un messaggio che altrimenti appunto dovrebbe essere messo dal singolo, disabile o meno, su ogni vetro.
      Ecco non so se anche io sia riuscita a spiegarmi ;)

      Elimina
    3. sei riuscita a spiegarti benissimo e io sono anche d'accordo con ciò che dici. Mi piacciono queste iniziative, è bello che ci siano e io ne sono contenta!
      Se devo fare le pulci e le sto facendo ;) dico che non mi piace quel modo brusco di farla, ma nel senso che sono in tutto più moderata. Si può parlarne insomma. Gli slogan shock smuovono, ma poi allontanano. solo questo

      Elimina
    4. anche a Pesaro c'é questo cartello. Anche a me era sembrata una buona idea, dovrebbe in effetti servire per far "svegliare" chi parcheggia senza pensare a cosa fa. Spesso credo che chi parcheggia in un posto disabili non pensa al disabile che non trovando il posto avrà un grosso disagio, ma piuttosto al fatto che tanto ci resta poco tempo, forse lì é meno probabile avere una multa piuttosto che lasciare la macchina in doppia fila...

      Elimina
    5. Anche qui a Milano adesso ci sono questi cartelli. e meno male!

      Elimina
  20. Io proporrei di mettere questa frase di cui parla "la casetta delle idee" sui bigliettini. Lo trovo più efficace
    Che ne dite? Facciamo biglietti con " invece di prenderti il posto perchè non prendi la mia disabilità? Oppure vuoi il mio posto? prenditi anche il mio handicap, come ha suggerito francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia, leggi sopra la MIA risposta :)
      In realtà a me non sembra carino e, rimanendo sul personale, non mi verrebbe da augurare a nessuno di avere un figlio con Sd, anche se mi rubasse il parcheggio. Non so se riesco a spiegarmi, ma ci ho provato ;)

      Elimina
    2. Hai ragione Barbara, ti sei spiegata benissimo. Ti conosco da molto poco e solo virtualmente ma questa è un ulteriore conferma che sei proprio una "bella" persona. Assolutamente d'accordo che dobbiamo combattere tutti per i diritti di tutti. Chi non ha rispetto per il prossimo tira fuori il peggio di me! :-( Non volevo assolutamente augurare nulla a nessuno ma solo farlo riflettere "bruscamente" per la furberia!

      Elimina
    3. sul bella persona si potrebbe parlarne ;)
      sottolineo che queste sono i miei pensieri e che ho dubbi su tutto, per cui sono curiosa di conoscere anche pareri diversi. grazie dei commenti!

      Elimina
  21. bellissima idea!!! e costruttiva!
    anche a me mi fanno proprio inc.... quelli che parcheggiano sui posti disabili. Al limite meglio che la lasci in mezzo alla strada la macchina!
    Devo consigliare questo metodo anche a mio marito che invece di solito reagisce, ma non con diplomazia e leggerezza...
    solo una domanda: e se la macchina in questione é dei carabinieri????
    non é che mi fanno la multa o mi arrestano per aver toccato la loro macchina???
    ci é successo veramente, e ovviamente mio marito é andato a dirgli che era un posto disabili...sapete cos'hanno risposto? che tanto non c'era nessuno, il parcheggio era vuoto, il tutto molto scocciati e con l'aria di "se continui a scocciare vedi che ti succede!". e alla fine hanno lasciato la macchina lì e sono entrati al bar a prendersi il caffé!
    .... O_O no comment...
    in marocco per ora non mi servono, i parcheggi per disabili non ci sono, però mi preparo i biglietti per quando torno in europa!
    e comunque diffondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, posso dire di avere fatto azioni simili tempo fa: post-it in macchina pronti per chi parcheggiava occupando due posti, sui marciapiedi, in 2^ fila...... Improvvisamente ho smesso: sono diventata più tollerante o stufa di combattere contro troppi?

      Adesso però Barbara mi hai fatto tornare voglia di ricominciare, quindi BURLONA anchio!
      Ripreparo i biglietti e alzerò i tergicristalli e, se vuoi, chi partecipa può condividere il tuo banner sul blog. Chissà che l'idea non si diffonda...................

      P.s. prima o poi ti parlerà della mia nipotina Anita, sveglia come Killò, simpatica come Killò, insomma come Killò!!

      Elimina
    2. Alessandra, tu inizia con la vigilanza e gli eventuali tergicristalli. Io (o delle fatine buone) penserò al resto ;)))))
      Un bacio ad Anita

      Elimina
  22. diffondo e partecipo anch'io senza dubbi di sorta!

    RispondiElimina
  23. Burlona anche io .....e spero che i miei amici mi seguano !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emmeti,
      se non sbaglio persona, io e te condividiamo delle esperienze ;)
      Spero anche io che i tuoi amici ti seguano

      Elimina
  24. eccomi quà amica di Emmeti!!!seguire te nn ci si sbaglia!NONNA_BURLONA anch io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la nonna burlona mancava ;) bravissima!

      Elimina
  25. da ora una burlona in più...;-)

    RispondiElimina
  26. IO nel mio piccolo lo faccio da anni... in fondo in borsa un foglietto e una penna ci sono sempre, solo che non sono così politically correct da scrivere "forse ti sei sbagliato", diciamo che scrivo cose tipo "ma a te l'educazione non l'hanno insegnata?" oppure se mi girano molto anche di peggio - molto peggio. NOn entrerò nel merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Pellons, sei una grande, ma non entrerò nel merito.

      Elimina
  27. Ciao! Ho visto solo ora questo tuo post e condivido al 1000 per cento!!!
    E ti dirò di più: io più che burlona, sono proprio bastarda, perché non esito a chiamare i vigili e far portar via la macchina!
    La mia comare, in carrozzina, si è trovata bloccata per il parcheggio idiota di uno stronzo: per salire in macchina ha fatto un movimento bislacco e le ci sono voluti mesi per risistemarsi! Fortuna dell'idiota che lei me lo ha raccontato dopo tre giorni!!!

    EVVIVA I BURLONIII!!!

    RispondiElimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...