venerdì 21 settembre 2012

L'indicibile fatica del quotidiano


In questo periodo corro.
Sono molto molto impegnata a correre. 
A piedi o in macchina, io corro e corro e corro tutto il giorno.
Solitamente, mentre corro, controllo in modo compulsivo l'orologio e, se ci fosse sulla mia testa il fumetto con scritti i miei pensieri, si potrebbero leggere frasi del tipo: “Oddio oddio, sono in ritardo”, “Oddio oddio non ce la posso fare”, “Oddio oddio”.

Non ho deciso di dedicarmi alla corsa sportiva, anzi, in realtà mi pare di non riuscire più a decidere nulla. Corro dietro alla vita e Lei va più veloce di me.

Alle 6.30 Matteo mi sveglia. Serve un intervento deciso, ma delicato, perché no, io il trillo della sveglia digitale non lo sento e, se lo sento, me ne frego. 
Non appena riesco a mettere i piedi giù dal letto, inizia la corsa.
Dove vado? Cosa faccio? Cosa ho fatto e cosa ancora devo fare?
Non lo so più.
Mi sono persa.
Ho perso efficacia, ho perso il controllo della casa. 
Non ho idea di cosa ci sia nel frigo, né di cosa mangeremo a pranzo e cena. Non so dove sono i calzini dei bambini e se siano da lavare o meno. 
Mi vesto “casuale”, non “casual”, pescando cose dal cesto della biancheria lavata e non stirata e ogni mattina ringrazio il cielo di avermi fatto trovare una tshirt. Stamattina non l'ho trovata, e quindi non ho ringraziato.

Ho incontrato un'amica, ieri, che dopo aver constatato la ricercatezza del mio look, l'originalità della mia pettinatura e la mia faccia stravolta, mi ha chiesto preoccupata: “Ma c'è un problema?”.
No, cara amica, per fortuna non c'è UN problema.
Perché a volte capitano, a volte ti arrivano fra capo e collo quei problemi enormi, gravi, che ti monopolizzano i pensieri, le giornate e fagocitano ogni tipo di altra esigenza, e allora hai UN problema, uno che da solo basta e avanza a giustificare la fatica, le corse, l'esaurimento delle energie.
Io invece ho TANTI piccoli problemi. Sono fortunata :) . 
Alcuni sono sciocchezze che si trascinano da mesi, (come il gas in giardino), altri sono solo fastidi, alcuni necessitano di soluzione immediata, altri sembrano irrisolvibili. 
Sono tanti e tutti insieme. 
Mi si aggrovigliano i pensieri, mi si aggrovigliano anche le azioni.
Non è certo la prima volta che mi trovo impantanata in un momento così, anzi posso affermare che conosco bene certi meccanismi che si innescano. E' probabile che, all'improvviso, si guasterà qualche elettrodomestico fondamentale (accetto scommesse) e che, non appena mi sembrerà di rialzare la testa, inizieranno i raffreddori, le tossi, le notti in bianco. 
Fai l'occhiolino alle rogne in agguato, guarda, sono lì per te! 

Perché scrivo queste banali considerazioni?
Qui spesso ho raccontato i momenti belli, quelli che ti fanno esultare ed amare la vita; un giorno vorrei riuscire a ricordare anche i momenti più neri, più bui, quelli che cambiano per sempre una vita (e no, non è stato quello della scoperta della SdD di Killò).
Oggi mi sono seduta a scrivere, ho fermato un po' la mia corsa, per tirare il fiato e perché mi è passato per la testa il semplice pensiero che anche l'indicibile fatica del quotidiano merita di essere raccontata.
Sono esausta, con la pazienza ai minimi storici e con l'impressione di non avere più energie mentali a cui attingere. 
So che passerà. Magari già domani, magari no.
Non mi resta che aspettare.
Intanto corro con il desiderio di riuscire a concludere almeno una delle mille attività che ho iniziato. 

Ehi, va già meglio! Guarda, ho finito il post! :))))


Dedicato a tutti coloro che, come me, stanno correndo (o trascinandosi sui gomiti). 
Venite, facciamoci compagnia.

59 commenti:

  1. Corro con te:-) e mi aggroviglio anche io sulla casa che è un casino e sulla roba da stirare che si accumula e per fortuna ho i capelli corti, almeno quelli son sempre in ordine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappi che guardo la macchinetta che uso per tagliare i capelli a Killó e penso :) L'ho giá fatto in passato , in gioventù , e non era una pettinatura che mi ...ehm...donava. Ma ci penso, UHhhh se ci penso!,
      Dai corriamo....

      Elimina
    2. ahah non farlo..cioè fallo ma vai da un parrucchiere. Col mio taglio tattico riesco ad andarci anche ogni 4 mesi..e mi faccio l'henné:-) Però i tuoi capelli mi piacciono un sacco.

      Elimina
  2. Eccola ;D! Sono stanca, mi sembra di avere qualcosa che mi tiene piantata a terra legata ai piedi ma non posso (devo) fermarmi...
    Dai, che dici, sarà solo il cambio di stagione!? Sa di "mal comune...", sa di "quanto si stava bene in vacanza"...Boh!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ti dico? Secondo me non é il cambio di stagione, non é un virus. É la vita.
      C'é anche questo, la fatica assoluta che sembra senza motivo. Pare sia esperienza comune :))

      Elimina
  3. Eccomi all'appello!

    Hai descritto esattamente come sto vivendo anche io... a partire dalla sveglia (stessa ora), passando per il frigo di cui ignoro il contenuto, compreso l'assalto alla roba da stirare (ma siccome 5 siorni su 7 mi tocca andare in ufficio, uso appendere le "cose da lavoro" ancora bagnate, quindi si asciugano belle diritte ed alè!).

    Ho tagliato i capelli che più corti non si può (e, se ricordi, li ho lasciati bianchi -anzi meglio, sale e pepe-) così se dimentico di pettinarmi nessuno se ne accorge! La ricrescita non è più un problema.

    Però ti devo dire che mi ha fatto piacere leggere il tuo post, ed i commenti che mi precedono, perchè ora sono convinta che è un virus che sta dilagando, quindi non è colpa nostra e passerà!

    Anzi, visto che già mi sento meglio vado a stirare!
    Che, come diceva qualcuno, è la mia seconda attività preferita. La prima è sbattere la testa contro il muro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahahahahahahahha :)
      Sui capelli leggi il commento su. Che bella libertà fregarsene della tinta! Sto così bene (per la libertà non per il colore dei capelli).
      Purtroppo non so di chi sia la colpa di questo infinito casino in cui mi dibatto e penso che sia anche un po' colpa mia, ma sono certa che saró sempre io la grande eroina che troverà il modo di venirne a capo :)
      La mia prima attività preferita é ridere. Vuoi prendere spunto ? :)))))

      Elimina
  4. Presente! Lavastoviglie rotta...e già cambiata con tutti i bei soldini che costa, frigo rotto?..per fortuna fredda ancora ma fa uscire acqua da non ho capito dove, febbri e raffreddori in corso, marito partito per esame finale da osteopata, cucina ancora da sistemare da pranzo....e sai io che faccio? Mi metto bella bella sul letto a guardare Mary Poppins con i due puzzoli :) ! Dai chi ci ammazza ;) !!! Abbraccio...per il contenuto del frigo continua ad ignorarlo e ordia pizza pizza pizza :))) !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora tu sei nella fase due?? Arrivò fra un po' :)
      È poi hai ragione, pizza e Mary Poppins . Sono una dilettante: ieri la pizza l'ho fatta. Una volta non facevo cosí, la ordinavo. É arrivato il momento di tornare alle vecchie abitudini. Grazie, mi serviva

      Elimina
    2. @la Casetta: per il frigo..prova a vedere se non è la vaschetta dietro al frigo che quando sgela si riempie d'acqua e perde..il mio fa spesso cosi. E funziona ancora

      Elimina
  5. Ci sono anch'io!!! Corriamo insieme.... ogni mattina non esco da casa se non con la lista delle piccole e grandi commissioni che devo sbrigare. Ogni giorno sembra x magia questa lista si allunga. Non mi ricordo nemmeno più il colore del mio frigo tanto è pieno di biglietti x ricordare qualcosa!!! E non sai quante volte mi dimentico a casa la lista!!! I cappelli? non vivo + senza il mio fidato mollettone che me li tiene su tutti in ordine in 2 secondi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, le liste. Un giorno ritroveró tutte quelle che ho perso. Le scrivo, le metto non so dove. Quelle che riesco a conservare, mi dimenticò di leggerle. Uno spasso.
      Ma il mollettone nooooooo :) tu vali, ti prego comprati una bella molletta hand Made, fallo per noi, per tutte noi donne! :)))))))

      Elimina
  6. Io non ti dico niente che sono in fase pipponi deprimenti ma ho appena riletto Alice e tu sembri proprio il Coniglio Bianco :)) Io ho sempre avuto la fissa dell'orologio ma ultimamente mi sto disintossicando, corro uguale ma con meno ansia.
    Comunque stasera pensavo di mangiar fuori ma l'ometto ha un raffreddore pazzesco ... il frigo e' vuoto, aiuto!! Non si fa questo ad una madre il venerdì ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh no.... spero che tu abbia ordinato una pizza :)
      La fase "pipponi deprimenti" è peggio di quella "caos totale". La pizza te la meriti!!!!!

      Elimina
  7. Raffaella Spagna21 settembre 2012 18:54

    Corri, se adesso tocca correre, corri...passerá! O forse solo camminerai veloce ;-) !!! Peró quando puoi siediti sul divano, regalati 10 minuti di vacanza e magari mettiti lo smalto!!!
    Un abbraccio veloce veloce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tocca correre :)
      Ma lo smalto c'è, non tutti i giorni, ma c'è.

      Elimina
  8. eccomi... non me ne parlare... dobbiamo ristrutturare la cappa del camino, comprare e montare la lavastoviglie, la stampante si è rotta e non ho tempo di andare a comprarne un'altra, domani perderò tutta la giornata a un matrimonio e ho due lavori (DUE!) da fare contemporaneamente con scadenza sempre più incombenti, spesso coincidenti. La notte vado a letto e non riesco a dormire dall'ansia!!! Così invece delle due e mezzo faccio le tre e passa!!!
    E, dulcis in fundo, non ricordo l'ultima volta che ho fatto la doccia!!! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHHAHAh :)
      hai descritto molto efficacemente ciò che intendo. Non due panni da stirare e le fughe delle mattonelle sporche :)
      Qui dicono che passa. Nel frattempo corriamooooooooooo

      Elimina
  9. Eccomi qui ci sono anch'io eh? Anche se ho mollato il lavoro per avere più tempo per la famiglia e perchè era diventato insostenibile correre per un lavoro a 200 km di distanza mi sembra di avere meno tempo di prima!!
    Incrocio le dita per te che l'elettrodomestico che si guasterà non sia un fondamentale ma un sostituibile ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bell'augurio :)))))))))
      vorrei dirti che in realtà non mi interessa granchè degli elettrodomestici (e crepi l'avarizia), ma temo di attirarmi troppa rogna così :)

      Elimina
  10. Questo è un periodo in cui corro poco...o almeno fino a martedì ea così...causa problemi di salute del mio papà...non so più cosa vuol dire stare a casa...passerà, in un modo o nell'altro passerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Moky, ho letto del tuo papà. In realtà stai correndo, molto, moltissimo. L'investimento emotivo di alcune situazioni è sfiancante. Forza, passerà. :)

      Elimina
  11. E' sempre tutta una corsa poi con due gemelle ti lascio immaginare.Ora hanno 4 anni e hanno iniziato l'asilo ma fino a mezzogiorno, il tempo pieno inizia ad ottobre.Per cui non faccio in tempo a portarle che già devo tornare a riprenderle!

    RispondiElimina
  12. Anch'io corro, corro sempre e l'ala fine sono esausta, isterica e sclero x delle scemenze! Ma xchè tutto questo? Ne vale la pena?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ne vale la pena. Questa risposta la so.
      Sto cercando di rallentare. Credo ne valga la pena. ;)

      Elimina
  13. Pensa che io non riesco neanche a sedermi a raccontarla questa fatica... Ed è quello che mi fa più arrabbiare!
    Tra tutte le tue corse, prevedi qualche minuto al Tocatì? Se sì, sentiamoci!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anche io sono arrabbiata? Con me. Non me ne ero resa conto...
      Siamo pigri e disorganizzati. Non siamo riusciti a venirci al Tocatì....

      Elimina
  14. olé eccomi qui! oltre al lavoro ai 2 bambini alla casa e alla spesa (che odio e straodio, quand'è che potrò fare anche quella online?) c'è pure mia figlia che non dorme causa denti e mio figlio con la prima febbre post asilo. meglio di così...

    RispondiElimina
  15. Ho letto ieri e non ho potuto fare a meno di ridere come una matta da sola davanti al pc. Ma come fai a raccontare ogni cosa della tua vita in maniera così divertente e bella? Settimana appena finita ho corso anche io. Inserimento nella nuova scuola, lavoro e dovevo portare e prendere anche l'amichetta di mio figlio. Poi di corsa in ufficio, pomeriggio il pupo con l'amichetta... avevo paura di dimenticarmelo in giro. Però passa, si si passa! Vedrai che arriveranno momenti in cui andrai così piano che ti annoierai e allora ti verrà un'altra geniale idea per uno dei tuoi strani concorsi! Abbraccioni di corsa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Claudia,
      che bello immaginarti a ridere e per merito mio! Ne sono orgogliosisssima.
      Al primo momento di noia (o almeno di calma) si parte di strano concorso, che sto andando in crisi di astinenza :))

      Elimina
  16. Ih ih forse dovresti fermarti e mettere un bello smalto sulle unghie...a volte aiuta:) almeno ti riposi finché asciuga! La sensazione di essermi lasciata indietro troppe cose l'ho avuta anche io, l'inizio della scuola monopolizzava ogni mio pensiero (immotivatamente) poi la scuola e' iniziata (ovviamente senza alcuno stravolgimento per le nostre vite) e le giornate scorrono veloci come prima, il tempo e' sempre poco ma una seduta dal parrucchiere e l'acquisto di due capi con cui finalmente mi piaccicchio mi hanno aiutata a ripartire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, Ci arriverò anche io. Il parrucchiere e lo shopping. In questo momento sembra fantascienza ma... mi fido ;)

      Elimina
  17. Mi posso aggregare?
    La beffa è che a volte da queste corse nemmeno si bruciano calorie ;) ti senti pure colpevole a mangiarti qualcosa per "riprenderti" (o meglio sai che andrà proprio a finire dove non vuoi...)
    Non è elegante come definizione ma per me si tratta di "sfiga a grappoli", forse sono i pensieri negativi scaturiti dai primi eventi che la catalizzano sulla nostra strada (o casa), per cui io sto provando a infischiarmene - o fischettiare? - o inserire forzosamente una cosa carina o divertente, che tanto impegno più o impegno meno, meglio alla sera poter ricordare anche una cosa da fare extra-casini (anche solo fermarsi a scrivere un post :) ).

    Poi ci sono le strategie per alleggerire: prepara i vestiti la sera prima, prepara la lista della spesa e pianifica tutto quello che puoi giorni prima, preparati i numeri del pronto intervento di tutti gli elettrodomestici che funziona anche come misura scaramantica.

    Comunque settembre è un po' così ogni anno. La casa si vendica che siamo stati via, o più fuori del solito, fatica a riaccoglierci anche lei, ci sono i ritmi nuovi da riprendere, non è che uno in vacanza si sia ricaricato come quando aveva 20 anni e zero pensieri, ...

    C'è però il solito bicchiere mezzo pieno, sai la cosa bella? che per un po', superato il climax dei casini multipli e contemporanei, ...BASTA! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che particolare questa tua visione animistica della casa :)
      Sono d'accordo sulle strategie per alleggerire, ma in questo momento non riesco a pensare, nè a pianificare. Mi sa che dovrei ospitarti qui, per qualche lezione pratica :)
      Qui il bicchiere è sempre mezzo pieno, non preoccuparti! Solo volevo condividere anche questo stato d'animo, queste difficoltà, che non sono eccezionali, ma semplicemente comuni.

      Elimina
  18. eccomi, rispondo all'appello!
    Ho mille cose da finire ma per un momento mi sono seduta a riprendere fiato e a leggervi un po'. È un sacco di tempo che non ho più tempo neanche per il blog.
    Baci

    RispondiElimina
  19. scusa prendo fiato un attimo... perchè leggendoti oggi che è domenica e che in teoria si potrebbe pensare ad una parola esclusa dal nostro vocabolario, ovvero relax, mi sono ritrovata in tutte le tue parole :) io vivo in simbiosi con l'agenda del mio telefono e le varie sveglie.. sono loro che ringrazio!!!! perchè tra orari d'inizio e di fine di due scuole diverse il mio cervello poco calcolatore non ce la può fare! grazie perchè in questo post mi sono sentita veramente capita!!!!!!
    buona domenica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna,
      mentre scrivevo questo post, mi sono chiesta se mi stavo lamentando (cosa che detesto) e a chi sarebbe servito sapere che sono in palla. Alla fine, dato che in questo momento è così che va, ho semplicemente deciso che andava scritto. La fatica c'è. Quella normale e quella speciale ;)
      So che tu riesci a leggere oltre le righe, so che tu questa fatica la conosci forse meglio di me.
      ti abbraccio :)

      Elimina
  20. Eccomi!!! Questa settimana avrò pensato mille volte "Oddio, Oddio, non ce faccio!" e poi ce l'ho fatta ma sempre sul filo del rasoio. E mi sono chiesta come mai proprio ora che UN problema enorme non c'è ma ce ne sono TANTI piccoli che si aggrovigliano come un gomitolo di lana a cui non riesco a trovare più il capo... posso far parte del club? : )

    RispondiElimina
  21. presente anch'io!
    con mille cose che vorrei fare, fantasia zero, voglia non pervenuta... ma è tutto nella mia testa... ma li vegeta, dorme e fa la muffa...
    ed in tutto questo si avvicina il trasferimento (ennesimo!) al lavoro e forse anche un bel trasloco!... yeah!

    RispondiElimina
  22. Presente!!!
    Panni da stirare: un metro e mezzo almeno; lavatrici da fare: circa quattro, almeno; frigo: cos'è???? cosa c'è dentro???
    Anche io corro corro corro, però ieri mi sono presa mezza giornata di pausa, in compagnia di amici: unico neo è stato che l'ansia per le cose da fare oggi non mi hanno permesso di godermela appieno!
    Ma verranno tempi migliori! ...speriamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu però quest'anno hai un buono da giocarti. Se sei rimasta indietro con le cose di casa, hai avuto anche una ragione oggettiva che ha ...scosso la vita. Le cose importanti sono altre, lo sappiamo, lo sai..
      L'ansia no, quella bisogna trovare il modo di sfrattarla. Ci riprenderemo :)

      Elimina
  23. Sono felice di scoprire leggendo il tuo post che non sono la sola disorganzzata alle quale le cose da fare escono dalla testa o ci restano, ma in attesa di essere fatte. Almeno quelle che io credo poco importanti, come mettere il bucato nei cassetti, le altre, come occuparmi dei compiti dei ragazzi, quello lo faccio!
    E mi accontento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in tante qui. Guarda che gruppone!
      Solo che non alludevo a "particolari" come mettere il bucato nei cassetti, ma al un livello più evoluto, tipo: "possibile che non ci sia più un paio di calze in questa casa???" :)

      Elimina
  24. Mi unisco alla tua corsa.
    Questa mattina due terapie - in due posti diversi - una casa lasciata un casino, una cena stasera da improvvisare e una cesta della roba sporca traboccante. Poi una corsa in ufficio, il cielo è nero che sembrano le sette, ora in cui probabilmente sarò ancora qui a lavorare pensando che dovrei essere a casa.
    Un abbraccio aiuta, no? Allora un abbraccio a te e a tutte le donne-di-corsa che hanno scritto qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che questo abbraccio collettivo che c'è stato qui aiuta.
      E' una sensazione comune, quella di correre a vuoto.
      E ora si riparte, magari con maggior impegno, per fermare la ruota da criceto in cui siamo intrappolate.
      Fra un po' tiriamo le somme.
      Facciamo la rivoluzione (della nostra vita).
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  25. Se vi siete iscritte ai commenti,a questo punto vi ho intasato la mail.
    Ne approfitto per dirVi grazie.
    E' meraviglioso leggere e rileggere e rileggere i vostri commenti. A volte quasi non ci credo ;)

    RispondiElimina
  26. anch'io mi vesto "casuale"!! Mi hai fatto morire,adesso ho una definizione per il mio "stile"!Comunque l'indicibile fatica del quotidiano andrebbe raccontata più spesso perchè ci passiamo tutti,purtroppo,prima o poi. Forza e coraggio,ce la possiamo farcela ;P

    RispondiElimina
  27. Questo me l'ero persa. Eggià.. anche io di corsa.. e anche senza adsl.
    Grazie. Mi ci voleva proprio.
    E sento proprio di volerti bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahahahahahahahha. Ma ti voglio bene anch'io! Pace e amore ;)

      Elimina
  28. mi sembri il coniglio di Alice.......dai andiamo dal cappellaio matto!!!!!!
    i primi mesi è uno shock, poi prendi il ritmo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, non lo sapevo. Sono sotto shock, per quello corro senza combinare una. Per fortuna tu sei il mio sostegno, il mio faro. W le mamme esperte di scuola primaria :)

      Elimina
  29. non ho letto tutti i commenti ma... mi sento ancora peggio... io il lavoro non ce l'ho (all'inizio per scelta) e vado solo dietro ai 2 marmocchi (2 anni e mezzo e 7 mes!!i) e annaspo comunque. La nostra spesa extra? una casa..viviamo ancora nel nostro appartamento per due da 60 mq! Poi vi dico questo : ho sempre sostenuto che :cellulite, denti storti smagliature tette cadenti rughe capelli bianchi bisognerebbe poter scegliere almeno un difetto da scartare. Io avrei scelto i capelli bianchi, mi tengo tutto il resto (e ormai vi assicuro rientro in ogni categoria!) ma i capelli bianchi proprio non riesco a vedermici!! E neanche corti, ho provato, un disastro erano sempre in disordine, meglio lunghi con una bella coda come BB e meno male che la inventata!! ciao ragazze una cosa è certa se qualcuno ce la può fare siamo noi donne BACI Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che tu Elisabetta sei forte: con un bimbo di 7 mesi bisogna annaspare! Altrimenti le altre mamme si abbattono :)
      Ce la facciamo sì :)

      Elimina
    2. Corro tutto il giorno e mai che dimagrisco un etto!!!
      A quest'ora sarei gia'un figurino!!!! :-)
      Ora corro a preparare la cena con i pochi sopravvissuti nel mio frigo e poi mentre intrattengo il marmocchio di 3 anni una stiratina alla montagna di panni che ho da stirare! Altrimenti mio figlio domani va all'asilo con il solo grembiulino!!
      Ti abbraccio!! Oby83

      Elimina
  30. ma perché corriamo e corriamo e sembra che non arriviamo mai da nessuna parte?!?! bacioni da una mamma di corsa come te :-)
    buon week end che ti auguro sia di riposo

    RispondiElimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...