giovedì 20 giugno 2013

Barbara, nuova fase.


Stiamo bene.
Qualcuno di noi è in vacanza, qualche altro no. Io no, per esempio.
Sono sopravvissuta alla prima elementare (di Biondazzurra).
Quasi non ci credo. E' stata durissima.


Il primo anno di scuola materna, che mi preoccupava non poco, invece scorre liscissimo, senza un intoppo, senza nessuna difficoltà. Andare alla scuola materna è bellissimo e Killò è innamorato della sua maestra di sostegno, totalmente assolutamente ricambiato.

Io sono un filino stanca.
Il tempo per me, questo è il nodo cruciale di questo momento.
Ho bisogno di ricavare tempo per me, per i miei hobby, ma anche per non fare nulla e stare in silenzio a guardare le formiche in fila.
Ho tante idee e tanti progetti e, spesso, il desiderio di realizzarli subito e la frustrazione di non trovare il tempo.

Non ho voglia di parlare, e scrivere è così così faticoso....
Voglio ascoltare. Voglio osservare.
Me stessa e gli altri.
E sorridere di tutte le stranezze, delle mie debolezze, dei miei nervosi.

Lavoro tanto a maglia e mi guardo vivere.
Sono molto cambiata.
E' ora di riprendere in mano la mia vita e trovare nuovi spazi, fisici e mentali.
Non sono solo una mamma, c'è la donna che ero che si riaffaccia, che scalpita, che mostra esigenze che credevo abbandonate.
E' proprio arrivato il momento.
Non riesco più a contenerla, a soffocarla. (Sì, ci ho provato).

Sono stata così concentrata sui miei bimbi, sulla loro crescita e sui loro bisogni, che non me ne sono accorta.
Sono cresciuta anche io, ma proprio tanto.
Ora lo vedo e voglio spiccare il volo verso una nuova avventura: scoprire questa nuova me.

A volte mi assalgono i dubbi, e allora mi ripeto che è giusto così, che è una "normale" evoluzione da cui vedo passare anche altre mamme, anche se per me arriva in ritardo.....
Mi consola un pensiero: se sono sopravvissuta alla prima elementare, forse posso riuscire anche ad affrontare questo cambiamento epocale!

Non solo mamma, anche donna, soprattutto persona. Me stessa ora.
Ci vuole coraggio.
Potrei starmi antipatica.

Ciò nonostante, ci provo, spinta da un'insaziabile curiosità (e dall'evidenza che mi è necessario).
Barbara, nuova fase.

:)

Ps. La foto avrebbe dovuto raffigurare la mia faccia, per essere coerente. Solo che mi piace di più il sorriso di Killò, in uno degli autoscatti che intasano la memoria del mio telefono. 
Nella mia nuova fase devo dare  più spazio a ciò che mi piace e mi fa stare bene e allora tiè, questa è la prima mossa!

37 commenti:

  1. Nuova Barbara, vecchia Barbara... a me basta che sia Barbara! ;D
    Ti amo tanto!
    G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora è facile :) Per sempre Barbara :))))))))))))

      Elimina
  2. Rimaniamo sempre noi stesse e coi figli cresciamo tantissimo anche se facciamo davvero fatica a vederci, poi arriva un certo punto che il nostro io profondo chiede ed esige di uscire fuori ed è un bene! Chi prima chi dopo l'importante è accorgersene e dargli corda ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in quattro righe hai riassunto tutto il mio post. Devo molto lavorare sulla sintesi ;)
      )Grazie)

      Elimina
  3. Cara Barbara,
    ti scopro solo oggi, e sguazzo nel tuo blog con grande piacere. Anche io sono mamma di due bimbi bellissimi, anche il mio "grande" ha finito ora la prima elementare (e che fatica...), mentre il piccolo ancora veniva cullato dalle maestre dell'asilo. Ma a settembre tocca anche a lui la "grande traversata". Anche io ho scelto il sorriso, con due meravigliosi figli autistici. Anche io sono cambiata tanto, la strada lunga...Ancora non sono riuscita a ritirar fuori la macchina da cucire, che mi aspetta da anni. Anche io ho aperto un blog, meno personale del tuo, per distrarmi da terapie, visite, colloqui e continue lotte per ottenere le briciole. Talmente poco personale che lo sto lasciando andare. Comunque sia...quando ti diventerai antipatica fammi un fischio! Voglio la ricetta magica! Un abbraccio a te, un bacino ai tuoi popi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Laura,
      pare che di cose in comune ne abbiamo parecchie. Sorrisi, figli non comuni, fatica, un blog...
      Sono contenta che mi hai trovato, abbiamo una solida base di affinità.
      Dopo anni di dura mammitudine, quella macchina da cucire te la meriti tutta. Fossi in te, andrei a rispolverarla ;)
      Se intano io scopro la ricetta veloce ed efficace per riscoprire se stesse in versione aggiornata, prometto che ti scrivo!!!!
      In bocca al lupo :)

      Elimina
  4. Sapere che la mancanza serve per far posto a qualcosa di nuovo, allora posso pensare anche di fare a meno della tua presenza.
    Ti amo anche io, Giada ti copio.

    RispondiElimina
  5. Non credo che sarà antipatica questa nuova Barbara. Credo sarà una donna ancora più autentica (se è possibile!) di quanto lo sia stata fino ad oggi.
    E tutto andrà a vantaggio della famiglia, non solo di Barbara stessa :-)

    Tenerissimo Killò...smack!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Maris che tu abbia ragione. Sulla carta pare essere così, chissà nella pratica....
      un abbraccio

      Elimina
  6. Non potresti in alcun modo stare antipatica a nessuno! Falli secchi, tigre. (cit.)

    ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero un parafurbo senza vergogna. Continua così, perchè apprezzo :)

      Elimina
  7. comunque una GRANDE Barbara.
    un abbraccio
    ale_la_b

    RispondiElimina
  8. vecchia o nuova...sei una bella persona, quindi goditi te stessa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono una bella persona. :)))
      Potrei ripetermelo come un mantra :)))
      Grazie del consiglio, potrebbe anche funzionare!!!

      Elimina
  9. ciauuuuuuuuuuu! ma come staiiiiiiiii! come ti capisco!dopo l'operazione di Ale agli occhi (nulla di grave sia chiaro) sono stata francobollizzata a lui per un bel po' anientandomi quasi, appena ho ripreso in mano i miei hobby sono rinata! :) sto cercando di organizzare da settembre una settimana creativa con le mamme dellamaterna..... ci riusciro'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dell'operazione di Ale sapevo... ti follouo ;)
      e capisco profondamente cosa intendi per "francobollizarsi", perchè è capitato anche a me, in momenti particolari della nostra storia.
      Settimana a settembre? Sì ci riuscirai :)

      Elimina
  10. Ciao Barbara nuova fase. Io ci sono passata qualche mese fa.
    Io. Che non vuol dire anche il resto, ma anche un po' di me.
    Antipatica ;D!
    Naaaaaaaa :D! Mai
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simonetta, ci sei passata e ne sei uscita in nuova veste o sguazzi nel limbo? Fa la differenza eh!

      Elimina
    2. nooooooooooo! ussignor...... :)

      Elimina
  11. Bello rinascere e per certi versi ricominciare. A nemmeno due mesi dal mio secondo parto, ho già voglia di farlo e mi sento un pò "cattiva" per questo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara te, il senso di colpa, il sentirsi mamma cattiva perchè si vorrebbe un po' di tempo per sè, è connaturato con l'esser donna.
      Arriverà sempre, per tanti motivi. Non prenderlo sul serio, fagli due pernacchie.
      un abbraccio

      Elimina
  12. Dev'esserci una congiunzione astrale favorevole, siamo in tanti in fase di muta da una vecchia ad una nuova pelle, bello! Poi se c'è anche quel musino ad accompagnarti, non può che andare bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fase di muta. Gran bella definizione (sei un genio)
      Quindi la nuova pelle, metaforicamente, c'è già; bisogna esfoliare. Sorrido, perchè mi sento così, con il desiderio di buttare via vecchi strati rinsecchiti e di andare più in profondità.
      bello il viaggio in compagnia ;)

      Elimina
  13. Mi ritrovo molto e tremo: a settembre inizia la prima elementare e io questi pensieri li tengo buoni da un po', negli ultimi mesi ci ho fatto pace e va molto meglio. Ma anche io sono cresciuta e son spesso ;) serena, tempo per guardare le formiche no, ma vediamo...
    Nuova o vecchia Barbara, ci piaci comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io e te ne abbiamo chiacchierato di questi temi, e di camicette di seta e smalti, e di serate con le amiche e di hobby appassionanti.
      A volte penso che concedermi il tempo di guardare le formiche (trascurando altro) mi ricaricherebbe di nuove energie.
      non lo so, sono confusa. Colpa della prima elementare (ahahahhahahahaha)

      Elimina
    2. Altromercato ha lanciato una linea di magliette con frasi di canzoni celebri: ieri guardavo con cupidigia quella con "confusa e felice", tra l'altro di un bellissimo azzurro cielo ;) (peccato che abitiamo lontane, lo sai..)
      Ps: hai ragione, le formiche son simpatiche e rilassanti, ma quando arrivano a vista a casa mia significa trgedia ;) e invasione della dispensa ;) io guardo le farfalle o le nuvole, ok? ;)

      Elimina
  14. Brava Barbara....mamme mogli ma persone prima di tutto....un po' di sano egoismo non guasta! Io almeno adotto questa filosofia... la foto di killo' e' bellissima fa bene a fotografarsi con quel sorriso...come si fa a non immortalarsi! Un abbraccio Barbara e tanti bacini a tutta la family

    RispondiElimina
  15. Ciao Barbara, se noi stiamo bene anche ci ci sta attorno gioverà della nostra serenità. E le formiche in fila sono troppo belle...se non entrano in cucina..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai davvero ragione, dovevo specificare.
      "Guardare le formiche in fila in giardino, lontano dalle finestre e dalla porta d'ingresso".
      :))))))))))))))))))))))))

      Elimina
  16. che bel sorriso...mette proprio gioia di vivere.
    Come ti capisco cara Barbara, io sono undici anni che sono Mamma mamma...e
    l' altro giorno al bar c'erano tre amiche che bevevano il caffè...ah...quanto mi mancano quei piccoli preziosi momenti "childrenfree"...
    per quanto adori i miei figli non posso dimenticarmi che anch'io sono importante...
    se non mi prosciuga prima il caldo estivo lo faranno i miei pargoli...
    ti (ci) auguro di riuscire a coniugare serenamente i doveri materni con quelli intensamente fortissimamente prepotentemente gioiosamente personali.
    ciao ivana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivana,
      anche io, nota talebana della mammitudine estrema, mi concedo piccoli momenti childenfree: un caffè con le amiche (15 minuti) o qualche ora fuori (dopo un'organizzazione logistica pazzesca).
      Devi, e intendo DEVI, farlo pure tu. :)
      Concedersi spazi mentali, riuscire a riportare le nostre esigenze al pari delle loro, invece, è cosa assai più complessa. Qui ho tanto tanto lavoro da fare. Grazie dell'augurio azzeccatissimo. Diamoci da fare :)

      Elimina

I commenti mi piacciono assai.
Se vuoi dirmi qualcosa, io ti ascolto.
Se però vuoi che il messaggio mi arrivi davvero, è meglio se lo scrivi qui sotto ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...